A+ A A-
27 Gen

Death Metal: nelle viscere del sound estremo In evidenza

Vota questo articolo
(1 Vota)

Il nome è già tutto un programma: Metal della morte, uno dei generi più estremi partoriti dall’ondata di fine anni ottanta che ha ridefinito i confini dell’estremo in ambito Metal.

Nato da un estremizzazione di elementi Thrash (specie da parte di Slayer e Kreator), Doom e primo Black Metal (quello di Venom e Celtic Frost per intenderci) il genere muove i suoi primi passi dalle paludose terre della Bay Area di San Francisco con band antesignane quali Possessed e poi con gli omonimi Death (protagonisti in seguito dell’evoluzione Progressiva e tecnica del genere) e gli Autopsy, importantissimi quest'ultimi sia per l’evoluzione del genere in toto, sia per la sua variante più marcia, lenta e legata al Doom Metal, e dalla  Florida da Tampa con gruppi quali Morbid Angel e Obituary; poi conosce un forte sviluppo in Europa, specie in Svezia dove con il tempo dopo un’ impronta più violenta sfocia in varianti più melodiche di varia portata,  necessario citare in tal senso gli Hypocrisy passati da un Death Metal più tradizionale a quello melodico e la scuola di Gothenburg con At The Gates, In Flames, Dark Tranquillity, Opeth, e in Inghilterra dove si unisce spesso al Grindcore e a forti influenze Punk specie in gruppi come Napalm Death e i Carcass, quest’ultimi ispiratori anche del Death Metal melodico verso fine carriera, e al Doom Metal in gruppi quali Paradise Lost e My Dying Bride.

Il suono proposto prevede bruschi cambi di tempo che portano i brani da lente marce marcescenti a sfuriate di chitarra veloci e granitiche, il tutto con voci gutturali anche distorte, batteria serrata, e argomenti legati alla morte, l’occulto, la violenza e scenari da film splatter da serie z, ma anche spesso di un genuino disgusto verso il corpo umano nei suoi dettagli più aberranti e ripugnanti che in molti gruppi britannici ed americani si unisce ad istanze ecologiste a favore degli animali, dimostrandosi uno dei generi più violenti e morbosi sia per suono che per tematiche, ma anche tra quelli più riflessivi sull’esistenza umana e la natura della violenza e la fascinazione che ha sull’uomo.

Con il tempo il genere conosce pure una sorta di “interesse commerciale” soprattutto con i Cannibal Corpse,  considerati spesso tra i gruppi più caratteristici sia per il suono sia per l’immaginario e i testi gore, e contemporaneamente vede uno sviluppo Progressive/Tecnico che lascia da parte la brutalità di testi e musica in favore di suoni ricercati che spesso chiamano in causa anche influenze Jazz ed etniche e tematiche esistenziali in gruppi come i Death del secondo periodo, gli Atheist e i Cynic, quest’ultimi all’epoca molto originali per l’uso di voci modificate in chiave digitale ed elementi legati alla spiritualità indiana.

Inevitabile anche la fusione con l’amico/nemico Black Metal, altro araldo del Metal Estremo, che prima in Europa e in seguito in tutto il mondo sfocia nel Blackened Death Metal di gruppi come i polacchi Behemoth e gli australiani Destroyer 666, ed è un elemento presente in molti pezzi dei Marduk e dei Dark Funeral, e in generale nel Black Metal svedese.

Oggi il genere gode di buona vita e si è espanso, come spesso succede, tanto da comprendere sottocategorie ben lontane dal suono e dallo spirito originario, ma che comunque vengono incluse sotto l’ombrellone “Death”, vantando una grande varietà di proposte e stili; insomma nonostante il suo nome è vivo e vegeto e sembra volerci accompagnare ancora a lungo con le sue macabre nefandezze sonore.

 

Ultima modifica il Domenica, 03 Febbraio 2013 12:21

Video

Devi effettuare il login per inviare commenti

releases

Ristampa per "Damnatio Memoriae" dei My Silent Wake
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un bel lavoro di classic hard rock ricco di influenze diverse per Andrea Salini
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'aor più puro nello splendido ritorno dei Coastland Ride
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Solidi e talentuosi, buono anche il secondo passo per gli Inglorious
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un disco che farà contenti i fans degli Harem Scarem
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Molta più melodia per i Mastercastle
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

demo

Hypocras: Un ep con in mente gli Eluveite e...la musica dance
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Dimonra e la poliedricità
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Chasing The Serpent devono scegliere una strada precisa
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Urskog: one man band direttamente dalle foreste svedesi
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Grit, quando la passione non basta
Valutazione Autore
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Buon biglietto da visita il secondo demo dei deathsters lombardi Crypt of the Whisper
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla