A+ A A-
31 Ago

AVALANCH- los poetas han muerto? (storia di una band dalla classe superiore) In evidenza

Vota questo articolo
(2 Voti)

Una mattinata primaverile di 11 anni fa, entrando in uno dei miei negozi di dischi di fiducia rimasi colpito da una copertina magnifica, uno splendido angelo di sesso femminile su sfondo azzurro. Afferrai il disco e mi precipitai, di corsa, nella zona cuffie ad ascoltarlo; il metal in lingua spagnola non mi era nuovo grazie a band come Rata Blanca e Mago de Oz. Pochi secondi e sbocciò l'amore; decisi così che 30 mila lire erano ben spesi per un disco del genere! El Angel Caido divenne ed è tutt'ora uno dei miei dischi preferiti di sempre e fece entrare gli Avalanch dritti nel mio cuore.

E' notizia di pochi giorni che il gruppo ha preso una pausa probabilmente definitiva. Ho deciso così di rendere omaggio alla band con questo articolo, perchè in quasi 20 anni di carriera hanno regalato ai propri fans musica di gran classe, marchiando la storia del metal spagnolo e diventando ispirazione per decine di nuove bands, anche se sono sempre rimasti ingiustamente semi sconosciuti nel resto d'Europa.

Avalanch- la storia

Gli Avalanch nascono nel 1988 come un quartetto sotto il nome di Speed Demons, e si dedicavano ad eseguire cover durante le serate nella loro regione di origine, l'Asturias. Nel 1993 il progetto cambierà totalmente; la band decise di passare ad una formazione a 5 membri e cambiò il proprio nome in Avalanch quando, dopo un live show come un segno del destino, il tetto del locale cadde sulle loro teste come una valanga (in spagnolo Avalanche). In quegli anni tramite una piccola etichetta presente in quelle zone, la Vudu Records, esce un primo lavoro, ora fuori catalogo e praticamente introvabile, Ready to the glory. Della grande band che verrà c'era ben poco visto che gli unici due membri sopravvissuti da quel lavoro saranno Juan Lozano (voce) e Alberto Ardines (battería). Solo successivamente entrerà nel gruppo Alberto Rionda, leader, chitarrista e songwriter degli Avalanch negli anni a venire.

 

La llama eterna (Bunker Studios- 1997)



Storia:

Nell'Agosto del 1996 la band si chiude negli studio Bunker di Llanera per registrare quello che è da considerarsi a tutti gli effetti il vero e proprio debutto della band: La Llama Eterna. Cantato in lingua spagnola, l'album fu terminato nella primavera dell'anno successivo e venne pubblicato tramite l'etichetta Bunker Studios (la stessa degli studi di registrazione) ottenendo ottime critiche dalla stampa specializzata Spagnola e Sud Americana. Metal Hammer spagnolo scrive di "una delle migliori band spagnole degli ultmi 20 anni".

Formazione:
Voce: Juan Lozano
Chitarra y Teclados: Alberto Rionda
Chitarra: Roberto García
Basso: Francisco Fidalgo
Battería: Alberto Ardines

Contenuto:

Il disco mette in mostra il gran potenziale della band ma risulta ancora molto acerbo, e anche la produzione non è tra le migliori. Nonostante questo l'album risulta comunque godibile e presenta alcuni pezzi di buonissimo livello compositivo.

Top Songs:
La llama eterna, Vicio letal, Esclavo de la ira, Excalibur, Sigue asi.


Eternal Flame (Underground Symphony- 1998)


Storia:

Nel 1998 la nostrana Underground Symphony trova l'accordo per pubblicare l'album nella versione cantata in inglese e realizza anche un'edizione del disco in doppio cd. L'album sarà distribuito in Europa e Giappone destando un certo interesse. Poco dopo, durante il tour ci sarà un importante cambiamento: Víctor García subentrerà a Juan Lozano diventando il nuovo cantante della band.

Formazione:
Voz y Coros: Juan Lozano
Guitarra y Teclados: Alberto Rionda
Guitarra: Roberto García
Bajo: Francisco Fidalgo
Batería: Alberto Ardines

(Avalanch- 1999)

 

Llanto de un héroe (Flame Records- 1999)


Storia:
Con il passaggio di Victor Garcia al microfono e con l'esperienza maturata dopo l'album di debutto, gli Avalanch sono pronti ad esplodere e “Llanto de un heroe” è il disco che consente alla band di diventare grande e di girare la Spagna per numerosi concerti. La band fa letteralmente rinascere la musica heavy metal in Spagna e riceve numerosi riconoscimenti da tutte le riviste specializzate.


Formazione:
Voce e cori: Victor Garcia
Chitarra: Alberto Rionda
Chitarra: Roberto Garcia
Basso: Francisco Fidalgo
Battería: Marco Alvarez
Tastiera: Ivan Blanco


Contenuto:
Il sound Avalanch si comincia a sentire da questo disco. La band unisce sapientemente il power metal alla musica classica, ricordando un po' lo stile dei brasiliani Angra, e già in questo album sono presenti alcune delle migliori canzoni mai composte dalla band. Inoltre Victor Garcia al microfono dà quella marcia in più che mancava sicuramente nel debutto.


Top Songs:
Torquemada, Pelayo, Vientos del sur, Por mi libertad.


Dias de gloria (Flame Records- 2000)

Storia:
Il primo live album della band arriva già nel 2000 quando la band decide di immortalare il concerto tenutosi a Sala Quattro de Aviles del 18 Giugno del 1999,durante il tour di Llanto de un heroe. Originariamente sarebbe dovuto uscire anche un Dvd di quel live, ma la band non fu soddisfatta della qualità delle riprese e decise di pubblicare solo la versione audio.

 

(Avalanch- 2001)


El angel caido (Flame Records- 2001)


Storia:
Visto il successo e l'interesse ottenuti dal precedente studio album, da Giugno a Dicembre del 2000 la band si chiude nei Bunker Studios per dare anima e corpo al nuovo disco. Nel 2001 esce finalmente “El angel caido”, un'opera ambiziosa, che farà esplodere la Avalanch Mania nella scena metal spagnola. L'album è una sorta di concept dove Rionda parla di temi biblici usando come figura predominante quella dell'angelo caduto dal cielo, come si vede anche nello splendido artwork a cura di Luis Royo. Dopo questo album Alberto Ardines e Victor Garcia verranno allontanati dalla band, rei di aver dato vita ad un progetto parallelo, i Warcry, senza il permesso del resto del gruppo. Le polemiche non finirono presto, visto che Victor aprì una causa contro i suoi ex compagni che si prolungò per molto tempo. Ramon Lage, che già aveva partecipato alla registrazione di alcuni cori, entrerà negli Avalanch come nuovo cantante mentre sarà Marco Alvarez il nuovo drummer. Dopo vari concerti (tra cui il Wacken Open Air), nel 2002 un altro terremoto scosse la band Asturiana: Ivan Blanco e Roberto Garcia decisero di abbbandonare per unirsi anche loro ai Warcry. Dany León alla chitarra e Roberto Junquera alla tastiera divennero i nuovi membri degli Avalanch, una band quindi totalmente rivoluzionata.

 
Formazione:
Voce e cori: Victor Garcia
Chitarra: Alberto Rionda
Chitarra: Roberto Garcia
Basso: Francisco Fidalgo
Battería: Marco Alvarez
Tastiera: Ivan Blanco

Contenuto:

Lo splendido artwork di Luis Royo (che continuerà a collaborare con la band) è l'emblema di un disco come El angel caido, un album magico che proietta la band nell'Olimpo del Heavy Metal Spagnolo. Il disco è un susseguirsi di pezzi meravigliosi che conquistano e ammaliano sin dai primi ascolti grazie a delle melodie vocali e strumentali che solo poche elette bands hanno saputo comporre nell'arco della storia di questo genere musicale. In una parola: CAPOLAVORO!


Top Songs:
Tierra de nadie, El angel caido, Xana, Levantate y anda, Alma en pena, Delirios de grandeza, Antojo de un dios, Las ruinas del Eden.

Los poetas han muerto (Xana Records- 2003)


Storia:
Nonostante gli sforzi legali compiuti da Rionda e company per difendersi dalle accuse degli ex membri della band (che portarono poi alla chiusura del processo penale con l'assoluzione di Rionda), gli Avalanch riescono a pubblicare il nuovo disco a distanza di soli due anni. Los poetas han muerto vede la partecipazione di Andre Matos (voce in "Del cielo a la tierra"), Santi Fano (dagli AngelDark) come voce del male in "Nino" e dell'artista marocchino Jbara in "Madre Tierra", pezzo che presenta influenze nord africane ed un bridge in lingua Araba. La copertina sarà ancora opera del talentuoso Royo. Nello stesso anno la band per la prima volta riesce ad organizzare un tour in Sud America, passando in Brasile, Cile, Messico, Colombia ed Ecuador.

Formazione:
Voce e cori: Ramon Lage
Chitarra: Alberto Rionda
Chitarra: Dany Leon
Basso: Francisco Fidalgo
Battería: Marco Alvarez

Tastiera: Roberto Junquera

Contenuto:
Los poetas han muerto abbandona un pò il genere power metal, iniziando la strada che porterà la band ad un sound più personale e rock oriented, anche se etichettare la musica, soprattutto in questo caso, è alquanto fuoriluogo. Il disco presenta svariate influenze, e si dimostra maturo e fresco. Un capolavoro di metal melodico e nonostante la band abbia osato e rischiato molto, si può dire che Los poestas han muerto riesce a reggere il confronto con il suo immenso predecessore.

Top Songs:
Lucero, Nino, Alborada, Cien veces, Los poetas han muerto, Del cielo a la tierra, Madre tierra, Ecos de vida.

(Avalanch- 2003)

 

Las ruinas del eden (Xana Records- 2004)


Storia:
Nel 2004 la band pubblica Las ruinas del Eden un best of contenente le migliori canzoni della loro storia reinterpretate con la nuova formazione, prima di imbarcarsi in un lungo tour.


Cien Veces (Xana Records- 2005) DVD


Storia:
Il primo Dvd della band vede la luce nel 2005, quando viene ripreso un concerto dal vivo eseguito proprio nella regione dell'Asturias alla festa annuale di San Mateo ad Oviedo.


Mother Earth (Xana Records- 2005)


Storia:
Gli Avalanch non si fermano durante l'anno 2005 e probabilmente nell'intento di conquistare nuovi fans al di fuori della Spagna e dei paesi latini, decidono di registrare e pubblicare Mother earth, una versione del disco Los poetas han muerto in lingua inglese con la cover degli U2, Where the streets have no name, come bonus track.

(Avalanch- 2005)


El hijo prodigo (Xana Records- 2005)


Storia:
Con questo disco è evidente la nuova strada intrapresa dalla band che si sposta definitivamente verso lidi più melodic metal e hard rock. Le melodie restano sempre e comunque riconoscibili ed il songwriting di Rionda fresco ed ispirato. Con El hijo prodigo lgli Avalanch riceveranno moltissimi premi e gireranno oltre che Spagna e Messico anche gli Stati Uniti d'America.

Formazione:
Voce e cori: Ramon Lage
Chitarra: Alberto Rionda
Chitarra: Dany Leon
Basso: Francisco Fidalgo
Battería: Marco Alvarez

Tastiera: Roberto Junquera


Contenuto:
Con El hijo prodigo diventa più chiara la direzione che Rionda, leader della band, vuole intrapprendere. Il sound diventa più melodic metal con spunti hard rock, e si distanzia molto dal power metal degli esordi. Nonostante questo il marchio Avalanch è ben riconoscibile grazie al solito prezioso lavoro alla chitarra dello stesso Rionda che compone dei brani splendidi ed ispirati. La voce di Ramon Lage si integra alla perfezione con il nuovo corso della band.

Top Songs:
Alas de cristal, Aun respiro, La cara oculta de la luna, Papel roto, Mar de lagrimas, El hijo prodigo, Volviendo a casa.


Un paso mas (Xana Records- 2005)


Storia:
Verso la fine del 2005 esce Un paso mas, una raccolta di grandi successi e canzoni inedite. Degno di nota soprattutto il brano El principe feliz, che non è altro che la versione rivisitata e cantata della strumentale e meravigliosa Volviendo a casa contenuta in El hijo prodigo.

(Alberto Rionda- live)


Lagrimas Negras (Santo Grial- 2006) DVD


Storia:
Nell'Ottobre del 2006 gli Avalanch pubblicano Lagrimas Negras che testimonia l'esibizione tenutasi nell'estate al noto Vina Rock Festival.


Muerte y vida (Xana Records- 2007)


Storia:
Nel 2007 esce Muerte y vida, primo disco in studio sotto l'etichetta Santo Grial, e torna Luis Royo a curare l'aspetto grafico dopo la "deludente" copertina del precedente disco.


Formazione:
Voce e cori: Ramon Lage
Chitarra: Alberto Rionda
Chitarra: Dany Leon
Basso: Francisco Fidalgo
Battería: Marco Alvarez

Tastiera: Roberto Junquera

Contenuto:
Probabilmente il disco più potente della loro carriera: Rionda punta spesso su riff granitici e la produzione segue questa linea, con un suono della chitarra ritmica molto heavy. Le melodie restano comunque 100% Avalanch cosi come i splendidi solos di chitarra, inoltre non mancano affatto i brani più lenti e cadenzati dove la band riesce sempre a dare il meglio. Un disco meno hard rock rispetto a El hijo prodigo e più vicino al sound di El angel caido. Pur non essendo probabilmente all'altezza degli ultimi tre spettacolari dischi in studio degli Avalanch, Muerte y vida non delude affatto e resta su altissimi livelli compositivi.


Top Songs:
Angel de la muerte, Pies de barro, Aprendiendo a perder, Otra vida.


Caminar sobre el agua (Santo Grial Records - 2008) DVD

Storia:

Nel Gennaio del 2008 Roberto Junquera annuncia l'uscita dal gruppo per motivi personali così il tour di Muerte y vida continua con un sostituto temporaneo alle tastiere: Mario Fueyo. La sera del 12 Luglio viene ripreso il concerto a Gijon per la Semana Negra, per il Cd+Dvd che uscirà entro l'anno con il nome di Caminar sobre el agua.

(Avalanch- live)

 

El ladron de suenos (Santo Grial Records - 2010)


Storia:
Durante gli impegni live del 2009 Chez Garcia entra a far parte della formazione andando così a sostituire in maniera definitiva Roberto Junquera. Nello stesso anno inizia la registrazione de Ladron de suenos che però vede la luce solo l'anno successivo, anche a causa di altri impegni di Rionda, come il progetto Geysser, ottimo disco di Hard rock melodico (in compagnia di Raman Lage.) oltre che a qualche problema personale. Dopo l'uscita di questo disco la band si imbarcherà in un lungo tour in terra iberica e successivamente tornerà a suonare nelle Americhe.


Formazione:
Voce e cori: Ramon Lage
Chitarra: Alberto Rionda
Chitarra: Dany Leon
Basso: Francisco Fidalgo
Battería: Marco Alvarez

Tastiera: Chez Garcia

Contenuto:
Se con Muerte y vida Rionda ha voluto fare un piccolo passo indietro verso sonorità più metal, con questo disco si prosegue la via intrapresa con El hijo prodigo. La produzione, forse la migliore della loro carriera, è pulita e gli Avalanch non deludono i fans grazie ad alcune canzoni di primissimo livello anche in una lunga e importante carriera come la loro.


Top Songs:
El ladron de suenos, Mil motivos, El hombre solo, Cuatro canciones, Torres en el cielo.


Malefic Time: Apocalypse (2011)


Storia:
Alla fine del 2011 gli Avalanch annunciano il nuovo progetto Malefic Time Apocalypse. Dopo una lunga attesa con tanto di countdown dal sito web ufficiale, vengono svelati i dettagli: la band scriverà la colonna sonora dell'omonomimo libro di disegni creato da Luis Royo e da suo figlio Romulo. Il disco uscito il 5 dicembre 2011, è disponibile in due versioni: la prima contente il disco, la seconda con il libro di illustrazioni allegato. Durante il tour, nelle date di Barcellona e Madrid la band dividerà il palco con i due artisti che durante l'esibizione musicale si dilettarono in alcuni dipinti.

Formazione:
Voce e cori: Ramon Lage
Chitarra: Alberto Rionda
Chitarra: Dany Leon
Basso: Francisco Fidalgo
Battería: Marco Alvarez
Tastiera: Chez Garcia

Contenuto:
Il disco è moderno, Rionda inserisce tante novità nel sound che diventa molto potente e oscuro quasi un incontro tra power metal e black metal seguendo il concept e il lato grafico del libro di Royo. Ma la novità principale è che l'intero disco è cantato in lingua inglese. Pur restando un album di buon livello, personalmente ritengo questo Malefic Time: apocalypse come un piccolo passo indietro della band, che ha spiazzato i fans con questo ennesimo cambio di rotta.


Top Songs:
Malefic Time: Apocalypse, Baal, Lost in Saint Patrick, Spread your wings.

 

 

 

(Avalanch con Royo- live 2012)


Conclusioni

Il tour a supporto di Malefic Time: Apocalypse porta la band a suonare in giro per la Spagna e Sud America. I presupposti della band sono ottimi: spinti da questo nuovo progetto, con la collaborazione di Luis Royo (artista internazionale) ed un album in inglese, le attese erano quelle di poter conquistare molti nuovi fans in Europa, tanto da anticipare in una news l'idea di alcune future date dal vivo in altri paesi europei (Italia, Germania, Scandinavia..). Probabilmente questo maggiore successo non c'è stato e il giorno 29 Agosto del 2012, sorprendendo tutti i fans, la band annuncia con un comunicato web, l'uscita dalla scena.

Gli Avalanch nella loro storia sono riusciti a cambiare pelle più volte riuscendo sempre a restare fedeli a sé stessi e mantenendo sempre un livello eccelso nelle proprie produzioni, come pochissime bands nella storia sono riuscite a fare. Questo è indubbiamente merito della vena artistica di Alberto Rionda un fuori classe non tanto dal punto di vista tecnico ma soprattutto compositivo, capace di scrivere brani che continueranno ad emozionare. Un musicista e poeta (sempre splendidi i suoi testi) di tanta genialità compositiva non può di certo abbandonare la scena così di punto in bianco e mi aspetto quindi di risentirlo, se non con gli Avalanch, in qualche altra avventura.

Di una cosa siamo certi: il nome Avalanch resterà impresso per sempre nella storia del heavy spagnolo e nei nostri cuori.

Ultima modifica il Venerdì, 28 Marzo 2014 15:09
Altro in questa categoria: Doom Metal: La Lunga Marcia Funebre »
Devi effettuare il login per inviare commenti

releases

Debutto dei metal progsters Frozen Sand costruito attorno ad un concept molto articolato.
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Other View, che bella sorpresa!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Doom/Death atmosferico nel debut EP degli Into the Arcane
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ristampa di "Mental Conflicts", quarto album dei tedeschi Blood
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Serve più grinta agli Insatia
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ennesimo tonfo degli Stormhammer
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

demo

Debutto per gli italo-americani Antipathic
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il primo EP dei romani Asphaltator promette bene
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dante's Theory: una piacevole scoperta dalla lontana Asia
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hypocras: Un ep con in mente gli Eluveite e...la musica dance
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Dimonra e la poliedricità
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Chasing The Serpent devono scegliere una strada precisa
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla