A+ A A-
 

Non eccezionale il nuovo album dei Coronatus Non eccezionale il nuovo album dei Coronatus Hot

Non eccezionale il nuovo album dei Coronatus

recensioni

gruppo
titolo
“Recreatio Carminis”
etichetta
Massacre Records
Anno

 

 

TRACKLISTING:

1. Ouvertüre

2. Towards Horizon

3. In Meinem Reich

4. The Monk

5. Schwester

6. Der Gesandte

7. Winterrosen

8. Elisa (Eleven Swans)

9. Sternenstaub

10. So Tanzt!

11. Erhebt Die Wogen!

12. Fernes Land (Feat. Carmen)

(Digipak Bonustrack)

13. Sie Stehen Am Weg (Feat. Carmen)

(Digipak Bonustrack)

 

 

LINE-UP:

Carmen R. Lorch - Vocals

Ada Flechtner - Vocals

Mareike Makosch - Vocals

Aria Keramati Noori - Guitars

Dirk Baur - Bass (Live)

Mats Kurth - Drums

opinioni autore

 
Non eccezionale il nuovo album dei Coronatus 2014-01-19 10:34:29 Ninni Cangiano
voto 
 
2.5
Opinione inserita da Ninni Cangiano    19 Gennaio, 2014
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ho sempre apprezzato la proposta musicale dei tedeschi Coronatus; il loro gothic con doppia voce femminile, infatti, credo fosse, almeno agli inizi della loro carriera, molto interessante e finanche originale per la contemporanea presenza di due vocalist femminili differenti come Ada Flechtner e Carmen R. Lorch (all’epoca chiamata Carmen R. Schäfer). La bionda singer tedesca lasciò la band dopo il terzo album ed, infatti, l’ultimo lavoro “Terra incognita” con la pur brava Mareike Makosch non mi aveva convinto più di tanto, anche per una certa carenza d’ispirazione nelle composizioni. A questo forse aveva contribuito anche una certa instabilità della line-up nel corso del tempo, dato che attorno alle due singers originali erano spesso cambiati tutti i musicisti. In questo quinto album “Recreatio Carminis” registriamo il rientro della storica frontwoman che si affianca alle altre due voci femminili, creando quindi un terzetto di voci femminili. Indubbiamente non mi pare di ricordare altre bands con così tante cantanti, creando quindi qualcosa che a livello d’originalità può considerarsi interessante; ciò nonostante, devo ammettere che ho faticato alquanto ad ascoltare questo disco, dato che la mia “anima oscura” non ha avuto particolari sollecitazioni. Quello che credo manchi in questo disco è proprio quel flavour gothic-dark, quel sapore di romanticismo decadente, quelle sensazioni di oscurità che sono un particolare fondamentale in questo genere di sound. La proposta dei Coronatus in questo lavoro è un po’ troppo sinfonica, troppe orchestrazioni che allontanano la band dai classici lidi gothic (il basso, ad esempio, è troppo sacrificato in sottofondo), per spostarla pericolosamente verso un genere come il sinfonico con voce lirica femminile che ultimamente soffre di notevole sovraffollamento ed inflazione. Sia chiaro, con questo non voglio dire che “Recreatio Carminis” sia un disco inascoltabile o esageratamente noioso; ci sono anzi episodi anche alquanto piacevoli come “Sternenstaub” e “Winterrosen” (quasi power sinfonico, per l’incedere della doppia-cassa di Mats Kurth), “The monk” e “Erhebt Die Wogen!” (anch’esse alquanto veloci), “So Tanzt!” (che, per l’uso del violino ed il ritmo del brano, avvicina il sound a lidi folk in maniera certo interessante) o anche la bonus track “Sie Stehen Am Weg” (forse l’episodio migliore del lavoro ed ingiustamente relegata al ruolo di bonustrack dell’edizione in digipak). A parte questi però, la restante parte dei brani scorre via senza colpire in maniera particolare, forse anche per l’utilizzo dello scomodissimo ed ostico idioma tedesco (brutta abitudine questa che i Coronatus hanno spesso avuto anche in passati lavori e sul loro sito internet). “Recreatio Carminis” è quindi un disco discreto, non eccezionale e che sicuramente non passerà alla storia del gothic metal; sicuramente andrà incontro ai favori dei fans dei Coronatus, ma per gli altri suggerisco un ascolto prima di un eventuale acquisto.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Che mazzate dal nuovo disco degli Onslaught!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Black Rose Maze un debutto discreto segnato dalla voce della singer canadese Rosa
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ramos con un lavoro dinamico e ricco di guest star
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ampiamente insufficiente sotto ogni aspetto il quarto album degli argentini Draconis
Valutazione Autore
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Vlterior: quando violenza e tecnica vanno a braccetto.
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Non poco interessante l'EP dei Dystopia A.D.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una nuova sfilza di ospiti ed un altro buonissimo album: tornano i Buried Realm
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Damnation Angels: ritorno in gran stile!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Chrysarmonia: pronti per il full length
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla