A+ A A-
 

IL CULTO DEL THRASH NEI DEATH MECHANISM IL CULTO DEL THRASH NEI DEATH MECHANISM Hot

IL CULTO DEL THRASH NEI DEATH MECHANISM

recensioni

titolo
"Twenty First Century"
etichetta
Scarlet Records
Anno

Line Up:

Pozza:chitarra e voce
Manu:batteria
Pedro:basso


Tracklist:

1. Monitored Procreation

2. Earthly Immorality

3. Human Limits

4. Evolutive Deviation

5. Tipping In Front

6. Obsolete Cults 

7. Hidden Legacy

8. Century Of Lies

9. Exotrophy

10. Collapse 2000 A.D

opinioni autore

 
IL CULTO DEL THRASH NEI DEATH MECHANISM 2014-03-25 16:00:23 Monica Meistro
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Monica Meistro    25 Marzo, 2014
Ultimo aggiornamento: 25 Marzo, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I Death Mechanism sono una delle band più interessanti del panorama thrash metal odierno, i più conosceranno Pozza e Manu per la loro militanza anche nei leggendari Bulldozer, ma anche la loro band madre è in grado di offrire un sound travolgente che non fa prigionieri. Anche se questi ragazzi sono giovanissimi, la loro musica ci arriva diretta dalla tradizione della vecchia scuola degli anni ottanta, pensate ai Kreator, ai Sodom, ai Desruction, ma anche agli Slayer (in particolare dell'era di "Show No Mercy"), agli Overkill ed agli Exodus; tradizione tedesca ed americana si fondono perfettamente in un miscuglio letale di velocità e potenza spaccaossa, ogni brano infatti è ideale per un pogo bello violento ed un circle pit che non lascia scampo. La batteria di Manu viaggia velocissima e precisissima e la chitarra di Pozza sfodera in ogni traccia riff taglientissimi sui quali si scaglia una voce al vetriolo molto simile a quella di Flegias dei Necrodeath. Potrà sembrare il solito album retrò per i nostalgici del thrash metal, ma ciò che rende "Twenty First Century" estremamente fresco è la produzione curata in ogni dettaglio, che fa suonare questo disco bello pieno di pacca, al pari delle ultime uscite dei Testament. I Death Mechanism sono quindi un altro dei tanti nomi del metal italiano da supportare e di cui andare fieri e che nulla hanno da invidiare alle bands estere!

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Indie Place: Un E.P. per chi ha amato il Class/Hard Rock degli anni '80
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Freddo, negativo, ma comunque affascinante il secondo album dei francesi Vous Autres
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Uada si spostano su lidi più melodici dando vita ad un album a dir poco sorprendente
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Raven: il corvo è tornato!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Con "Unconquered" i Kataklysm arrivano a pubblicare il loro quattordicesimo album
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Noumena portano a termine il loro album più introverso e completo
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Il nuovo lavoro di Winterblade dalle tinte Dark e Black.
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Kalahari: Un buon mini concept tra mitologia e realtà
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un secondo album che sa il fatto suo quello dei russi Drops Of Heart
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sin Circus: metal moderno e voce femminile sono gli ingredienti di questo piacevole disco
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cobra Spell: un EP per scaldare i motori dell'heavy metal!
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla