A+ A A-
 

Mediocre debutto per gli Ancer Cell Mediocre debutto per gli Ancer Cell Hot

Mediocre debutto per gli Ancer Cell

recensioni

titolo
A Fear Formidable
etichetta
Inverse Records
Anno

Line-Up:
Samppa     Bass
Jontte     Drums
Jani     Guitars
Wesleyer Guitars       
DC     Vocals

Track-list:
1. Worth the Pain      
2. Absolution thru Vengeance          
3. The Skin of My Knees
4. Warcry    
5. Trailblazer          
6. Constant Collision      
7. Slain    
8. Wake Up Screaming    
9. Anger Cell    
10. When Reason Sleeps with the Dead      
11. To the Ultimate    

opinioni autore

 
Mediocre debutto per gli Ancer Cell 2014-09-10 10:53:59 mario
voto 
 
2.0
Opinione inserita da mario    10 Settembre, 2014
Ultimo aggiornamento: 10 Settembre, 2014
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Gli Anger Cell ad una distanza di cinque anni dalla loro formazione, riescono a produrre il primo full-lenght, intitolato "A Fear Formidable", nel 2012, sotto la Inverse Records; disco arrivato nella nostra disponibilità solo di recente. Il quintetto, che prima di questo aveva gia prodotto un demo ("Once With Hate") ed un EP ("Haven For The Forsaken"), propone melodic death metal classico, diciamo basato sui Soilwork dei primi dischi, ma in cui non mancano influenze di heavy metal e qualche elemento thrash nonché, sparsi qua e là, degli elementi moderni. Il sound della band è roccioso, basato su riff molto pesanti e, spesso, cupi. Il che non sarebbe un male, ma allora perchè non mi sento di promuovere questo disco? Per colpa della mancanza di idee e creatività. E' così, perchè gli Anger Cell propongono le solite rimtiche, i soliti giri di chitarra, senza metterci del proprio. Ed è proprio per questo che l'album non mi ha proprio detto nulla.

La scaletta propone 11 brani che, ad un primo ascolto, possono pure sembrare potenti ed interessanti, ma dopo un po' finiscono per annoiare, essendo quasi tutti banali e sottotono e, come ho già detto prima, privi di idee. Un altro particolare non troppo convincente sta nelle parti canore del cantante DC, che risultano un po' troppo monotone, mentre dovrebbero dare la giusta quantità di energia nelle canzoni.

Ci sono davvero poche cose da salvare; forse qualche traccia spicca un po' più delle altre, ma risulta comunque schiacciata da tanta roba mediocre. Un esempio è la seconda "Absolution thru Vengeance" che non sarà nulla di impressionante, ma è comunque una canzone gradevole, che parte con una melodia interessante e poi continua con ritmiche e riff massici ma che, al contrario di molti altri che compongono l'album, risultano abbastanza ispirati. Un'altra song per nulla male è "Skin of my Knees", caratterizzata da buone melodie, ma soprattutto da un ottimo assolo.
Per il resto, c'è davvero poca roba; canzoni come l'iniziale "Worth the Pain" o la settima "Slain" sono davvero piatte, scontate e non mettono in risalto praticamente nulla. Ed è un vero peccato, perchè tutti i componenti del gruppo sanno come suonare il proprio strumento.

E' inutile ribadire che "A Fear Formidable" non mi ha convinto; un album scialbo, povero, che non aggiunge nulla al genere, se non un capitolo non riuscito. Credo però il quintetto possa migliorare in futuro, dato che qualche cosa buona (come ho avuto modo di sottolineare) si può trovare nell'ascolto delle canzoni di questo disco. Speriamo in un miglioramento ma, per adesso, consiglio l'album solo ai puri amanti del genere.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Magari i Running Wild fossero ispirati come gli Stormwarrior!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Prog metal dalle venature thrash in questo nuovo album dei Sifting
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

L'ombra dei Cradle of Filth copre del tutto l'operato degli Astaroth Incarnate
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cassino all'insegna dell'hardcore con il debutto dei Lesnar Suplex
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il debutto dei nostrani Bloody Unicorn è poco convincente
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Interessante il mix tra sound centro-europeo e svedese dei Sathamel
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
In attesa di un nuovo album, un breve EP di cover per i calabresi Zora
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla