A+ A A-
 

Il rock medievale torna ad ardere nei nostri cuori con questo nuovo lavoro dei Folkstone Il rock medievale torna ad ardere nei nostri cuori con questo nuovo lavoro dei Folkstone Hot

Il rock medievale torna ad ardere nei nostri cuori con questo nuovo lavoro dei Folkstone

recensioni

gruppo
titolo
Oltre... l'abisso
etichetta
Folkstone Records
Anno

Tracklist:
In Caduta Libera
Prua Contro Il Nulla
La Tredicesima Ora
Mercanti Anonimi
Respiro Avido
Manifesto Sbiadito
Le Voci Della Sera
Nella Mia Fossa
Fuori Sincronia
Soffio Di Attimi
L’ultima Notte
Ruggine
Tex (cover Litfiba)
Oltre… l’Abisso


Line up:
Lore: Voce;
Roby: Cornamuse, Voce, Bombarde;
Matteo: Cornamuse, Ghironda, Bombarde;
Andrea: Cornamuse, Bombarde, Percussioni;
Maurizio: Cornamuse, Flauti e Bouzouki Irlandesi, Uilleann Pipes, Cittern, Bombarde;
Silvia: Arpa;
Federico: Basso;
Luca: Chitarre;
Edo: Batteria

opinioni autore

 
Il rock medievale torna ad ardere nei nostri cuori con questo nuovo lavoro dei Folkstone 2014-11-03 10:57:26 Federico Orano
voto 
 
5.0
Opinione inserita da Federico Orano    03 Novembre, 2014
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

E' giunta l'ora del ritorno sulle scene dei nostri prodi eroi bergamaschi, dopo due anni da "Il confine" album spettacolare che ha proiettato la band al top della scena rock/metal nostrana con oltre cento concerti in giro per tutta la penisola e all'estero sempre davanti ad un folto numero di fans scatenati. Il nuovo lavoro, che esce sotto il nome di "Oltre l'abisso" è ancora una volta autoprodotto e vede la band impegnata anche nella curiosa ed accattivante copertina.

"Oltre... l'abisso" è un disco dei Folkstone che suona da Folkstone. 14 brani che formano un percorso fatto di emozioni, 14 tappe che prendono forma tra testi ricercati e musiche articolate. Il nuovo lavoro del gruppo orobico segue lo stile intrapreso con il precedente album, con un sound più cupo e la quasi assenza di brani veloci e spensierati (quelli da taverna per intenderci) degli esordi, per lasciar spazio ad atmosfere più elaborate e a ritmi più controllati. "In caduta libera", pezzo scelto per il video promozionale, ha il compito di aprire le danze. Un brano di impatto che conquista dopo pochi ascolti, ma la band dimostra di avere tante carte da giocarsi in questo disco ed i pezzi successivi non sono certo da meno anzi, "Prua contro il nulla" racchiude lo spirito della band con un chorus da cantare a squarciagola, cornamuse e arpa che dominano il brano, per una song che dal vivo infuocherà il pubblico. Ma la partenza di "Oltre... l'abisso" è davvero esplosiva con "La tredicesima ora" e "Respiro avido", quest'ultima già ampiamente conosciuta dai fans della band, inedito uscito in occasione del live album. Il disco rallenta un attimo ma non perde smalto, tutt'altro; "Manifesto sbiadito" è un altra delle hit assolute di questo disco, mentre le cornamuse sparano note a tutto volume nel mid tempo "Le voci della sfera" dove sembra di stare attorno ad un fuoco ad ascoltare la storia che i Folkstone ci vogliono raccontare. Si arriva alla seconda metà del disco che contiene altri brani notevoli come la sparata "Nella mia fossa" e la potente "Fuori sincronia" con forse la partenza più heavy nella storia della band. Il momento da pelle d'oca arriva con "Soffio di attimi", lenta acustica accompagnata dall'arpa di Silvia che regala 4 minuti di intense sensazioni (un pò in stile "Vortici oscuri" versione acustica).
Nel finale la cover dei Litfiba "Tex" che spacca di brutto anche in questa nuova veste mentre la malinconica title track cala il sipario su di un disco che conferma i Folkstone a livelli altissimi.

Il rock medievale torna ad ardere nei nostri cuori con "Oltre... l'abisso", ennesimo gran lavoro della band bergamasca.

Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Deathrite, ma cosa diamine vi è successo?
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Con "Æthra" i francesi Gorod vanno per l'ennesima volta a segno
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Talento si ma personalità da migliorare per i Plainride
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un live album infuocato per power/heavy metallers Reverence
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un debutto discreto per i Bölthorn, anche se ancora troppo derivativo
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Per i francesi Geostygma un debut EP di tutto rispetto
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Big Bad Wolf e l'amore per i Motörhead
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Forlorn Seas esordiscono con un buon disco tra post prog e inserti atmosferici
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Punk Rock fin troppo scontato per i Daggerplay
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Demonik pagano la voglia di strafare
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Thrash metal melodico e moderno che diventa stucchevole. Non ci siamo cari Enterfire
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla