A+ A A-
 

Un valido antipasto in attesa del nuovo album dei Blind Guardian Un valido antipasto in attesa del nuovo album dei Blind Guardian Hot

Un valido antipasto in attesa del nuovo album dei Blind Guardian

recensioni

titolo
"Twilight Of The Gods"
etichetta
Nuclear Blast
Anno

 

TRACKLIST:

1. Twilight Of The Gods

2. Time Stands Still - At The Iron Hill (Live @ Wacken 2011)

3. The Bard's Song (Live @ Wacken 2011)

 

 

LINE UP:

Hansi Kürsch - voce, basso

André Olbrich - chitarra solista

Marcus Siepen - chitarra ritmica

Frederik Ehmke - batteria

opinioni autore

 
Un valido antipasto in attesa del nuovo album dei Blind Guardian 2014-12-06 10:10:40 Ninni Cangiano
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Ninni Cangiano    06 Dicembre, 2014
Ultimo aggiornamento: 06 Dicembre, 2014
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

In attesa del pluri-annunciato decimo studio album “Beyond the red mirror”, i Blind Guardian sfornano questo singolo intitolato “Twilight of the Gods” (titolo, siamo onesti, stra-abusato), pezzo estratto dal full-lenght la cui uscita è prevista per fine gennaio. Il singolo, dotato come tradizione di splendida copertina, sarà disponibile in varie versioni; dal più completo digipack di cui parliamo in questa recensione, con la title-track e due pezzi live registrati al Wacken del 2011; passando per la versione digitale e finendo al 7” in vinile con uno solo dei predetti brani live come b-side (“Time Stands Still - At The Iron Hill”). Ma veniamo al nuovo brano “Twilight of the Gods”, brano nel classicissimo stile dei Blind Guardian, epico, ritmato, pieno di cori ed ottimi assoli delle due chitarre, con una durata di poco inferiore ai 5 minuti ed il vocione di Hansi Kürsch a donare colore e pathos. Gli altri due brani, come detto, sono stati registrati al Wacken del 2011 in maniera ottimale e professionale (e ci mancherebbe!); “Time stands still - at the iron hill” e soprattutto“The bard's song” hanno un fascino immutabile nel tempo e fanno venire una certa nostalgia del glorioso passato dei Blind Guardian, specialmente di Thomen Stauch che il buon Frederik Ehmke purtroppo, almeno per come la vedo io, farà sempre rimpiangere. Certo “Twilight of the Gods” non è un pezzo in grado di competere con la storia dei bardi di Krefeld, almeno quelli degli inizi carriera (diciamo fino a “Nightfall in middle-earth” compreso), ma comunque è un buon brano che può costituire un valido antipasto dell’album, qualora la restante parte dei componimenti del full-lenght saranno al medesimo livello qualitativo.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Un disco con ombre e luci per i Just Before Dawn di Anders Biazzi
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il debut album dei Proscription si candida ad essere la maggior sorpresa estrema del 2020
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Persino Umberto Eco trova un piccolo spazio nel terzo macigno degli Ossuary Anex
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dalla Scozia il brutale assalto degli Scordatura
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Diamond In The Rough - pop rock che ci riporta agli Eighties
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Trishula: un come back davvero notevole per gli amanti dell'Aor!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Continua senza sosta la crescita degli Agony Face
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per gli Angelic Desolation un EP fin troppo breve
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il nuovo lavoro di Winterblade dalle tinte Dark e Black.
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Kalahari: Un buon mini concept tra mitologia e realtà
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un secondo album che sa il fatto suo quello dei russi Drops Of Heart
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sin Circus: metal moderno e voce femminile sono gli ingredienti di questo piacevole disco
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla