A+ A A-
 

Primo centro dell'anno in campo hard rock, con il terzo lavoro degli Impera Primo centro dell'anno in campo hard rock, con il terzo lavoro degli Impera Hot

Primo centro dell'anno in campo hard rock, con il terzo lavoro degli Impera

recensioni

gruppo
titolo
Empire of sin
etichetta
Escape Music
Anno

Tracklist:

 

1 THE BEAST IS DEAD 03:35 
2 EVIL (BECOME A BELIEVER)  03:11
3 DON´T STOP  04:31
4 HOLE IN THE SKY  04:48
5 END OF THE WORLD  05:29
6 THUNDER IN YOUR HEART  04:36
7 LIGHTS IN THE SKY  04:51
8 DARLING  05:27
9 LOST BOY 04:38
10 FLY AWAY  04:14


Impera is: Matti Alfonzetti – vocals (JAGGED EDGE, SCOTT GORHAM, SKINTRADE, ROAD TO RUIN, RED WHITE & BLUES) / Tommy Denander – guitar (TOTO, PAUL STANLEY, MICHAEL JACKSON, ALICE COOPER) / J.K. Impera – drums (BRUCE KULICK, GRAHAM  BONNET, VINNIE VINCENT, JOHN CORABI, BRIAN ROBERTSON) / Mats Vassfjord - bass (VINNIE VINCENT, JOHN CORABI, SCAAR, GRAND DESIGN)
Special guest lead guitar John Leven on “Thunder in your heart” 

opinioni autore

 
Primo centro dell'anno in campo hard rock, con il terzo lavoro degli Impera 2015-01-14 08:43:35 Federico Orano
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Federico Orano    14 Gennaio, 2015
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Gli Impera ritornano; la band composta da una formazione a 5 stelle (vedere i nomi qui sopra) pubblica ancora tramite Escape in questi giorni il terzo album in carriera con "Empire of sin".

Hard rock classico e melodico, che ci regala delle bellissime gemme ad iniziare dall'ottima "Beast is death" in apertura che mette in mostra subito l'ugola dell'ottimo Matti Alfonzetti. I ritmi rimangono sempre controllati con una maggioranza di mid tempo a cui fa eccezione solamente la bella "Lost boy", mentre il livello qualitativo del disco rimane sempre elevato e mi sento di segnalare il potente mid tempo "Evil (become a believer)", "End of the world", magistrale esempio di classe e melodia, e la più rilassante ma altrettanto ottima "Darling".

In attesa di Eclipse, Toto, China Sky e moltissimi altri, il primo botto dell'anno in campo hard rock lo sparano gli Impera; "Empire of sin" è il solito disco compatto e ben composto e suonato dai maestri Tommy Denander & co. La classe non è acqua.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Borknagar: Il profondo nord risente di qualche melodia di troppo
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nightglow, sempre più moderni e alternativi
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
SpiteFuel, una scarica di adrenalina non da trascurare!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Progressive metal dalle tinte metalcore in questo secondo EP dei Malum Sky.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tyketto un nuovo live album per celebrare lo storico Strength in Numbers
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Mind Key: un alieno nel Paese delle Meraviglie
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Metal sinfonico neoclassico in questo primo album dei messicani Yeos.
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ep di quattro brani dediciti ad un heavy metal grezzo ed old school per gli Olymp
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Seppur breve, convince l'EP dei californiani Larvae
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i britannici Itheist un debutto (col nuovo nome) senza infamia e senza lode
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debutto per la tastierista dei Cradle of Filth: Martyr di Lindsay Schoolcraft!
Valutazione Autore
 
2.8 (2)
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Convince il secondo album dei Prime Creation
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla