A+ A A-
 

Un buon ritorno per Pete Ahonen con i suoi Stargazery Un buon ritorno per Pete Ahonen con i suoi Stargazery Hot

Un buon ritorno per Pete Ahonen con i suoi Stargazery

recensioni

titolo
Stars aligned
etichetta
Pure Legend Records
Anno

1. Voodoo
2. Angel Of The Dawn
3. Missed The Train To Paradise
4. Invisible
5. Absolution
6. Academy Of Love
7. Painted Into A Corner
8. Dim The Halo
9. Bring Me The Night
10. Hidding
11. Warrior's Inn
12. Dark Lady
13. Tumma Nainen (Special Bonustrack)


Lineup: Jari Tiura – Lead Vocals Jukka Jokikokko – Bass Pete Ahonen – Guitars Marco Sneck – Keyboards Jussi Ontero – Drums

opinioni autore

 
Un buon ritorno per Pete Ahonen con i suoi Stargazery 2015-01-16 08:06:13 Federico Orano
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Federico Orano    16 Gennaio, 2015
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Con la Pure Steel Records (e le sue sotto etichette) non sai mai cosa aspettarti visto che alterna uscite memorabili ad altre un pò sottotono. I finlandesi Stargazery arrivano al secondo disco e lo fanno proponendo 12 brani, più bonus track, di un heavy metal con influenze hard rock contraddistinto da un alto tasso melodico, epico, tra Rainbow e Dio e sono capitanati da quel Pete Ahonen che già potrete aver incontrato in passato con band quali Burning Point e Ghost Machinery.

I brani funzionano fin dalle prime battute grazie ad uno stile d'impatto immediato come dimostrano l'accoppiata "Voodoo" - "Missed The Train To Paradise", songs magari un pò banalotte ma certamente godibili con il trademark di Ahonen ben riconoscibile, anche se questi Stargazery possiedono un sound più rock e meno heavy/power rispetto alle altre sue creature. Si prediligono i mid tempos come "Invisible" che mi ha ricordato qualcosa dei Nocturnal Rites più cadenzati (avete presente "The iron force" dallo splendido "The sacred talisman" vero?). Altri brani da segnalare sono la più hard rock "Painted into a corner" e la buona accoppiata finale "Warrior's Inn" e "Dark Lady" che con ariose melodie e coretti chiudono bene il disco.

"Stars aligned" è un buon prodotto, dedicato a chi fa della melodia e del coinvolgimento immediato due punti di forza in un disco.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

I capitolini Enemynside tornano con un thrash onestissimo e funzionante
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Wormhole: quando lo Slam/Brutal incontra il Progressive Death di scuola canadese
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Eighty One Hundred: Heavy Metal fumante e melodico per la band campana!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

I canadesi Sophist sono rimandati al prossimo lavoro (di prossima uscita)
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un buon debutto per gli americani Frogg, ma con qualcosa da migliorare per il futuro
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un debut album discreto per i blackened death metallers americani Deadspawn
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Molto interessante, seppur breve, il debut EP dei canadesi Unburnt
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Congiura: quando la fenice rinasce dalle sue ceneri
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dalla Russia un buon prodotto Melodic Death/Black da parte della one man band Doom Rot
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla