A+ A A-
 

LA FURIA DEL NILO: ECCO AT THE GATES OF SETHU LA FURIA DEL NILO: ECCO AT THE GATES OF SETHU Hot

LA FURIA DEL NILO: ECCO AT THE GATES OF SETHU

recensioni

gruppo
titolo
At The Gates of Sethu
etichetta
Nuclear Blast
Anno

Line Up:

 

Karl Sander: chitarra, voce

Dallas Tolder Valler: chitarra , voce

George Kollias: batteria

 

Tracklist:

 

1.Enduring the Eternal Molestation of Flame

2.The Fiends Who Come to Steal  theMagick of the Deceased

3.The Inevitable Degradation o fFlesh

4.When My Wrath is Done

5.Slave of Xu

6.The Gods Who Light Up the Sky at the Gate of Sethu

7.Natural Liberation of Fear Through the Ritual Deception of Death

8.Ethno-Musicological Cannibalisms

9.Tribunal of the Dead

10.Supreme Humanism of Megalomania

11.The Chaining of the  Iniquitous

Bonus: 

12.Enduring the Eternal Molestation of Flame(Instrumental)

13The Inevitable Degradation of Flesh  (Instrumental) 

opinioni autore

 
LA FURIA DEL NILO: ECCO AT THE GATES OF SETHU 2012-08-05 08:37:21 Michele Alluigi
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Michele Alluigi    05 Agosto, 2012
Ultimo aggiornamento: 05 Agosto, 2012
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Quando si parla di band del calibro dei Nile, ogni uscita discografica può sempre essere un grande successo come un grosso flop, raramente esistono vie di mezzo.
Per quanto riguarda questo “At The Gates of Sethu” i Nile non hanno deluso le mie aspettative di fan, un album di canzoni mitragliatissime dall'inizio alla fine, che ci martella le orecchie dalla prima all'ultima nota, ma d'altronde siamo metallari, vogliamo potenza, se così non fosse, recensiremmo qualche cantantucolo pop di turno.
Il lavoro tecnico e di produzione è sopraffino, le chitarre dei due axemen sono definite, limpide e fluide nei solos, e potenti e taglienti nelle ritmiche, la batteria dell'ellenico Kollias è una gatling continua in ogni track, i più scettici possono dire che è tutto finto, qualche trigger c'è sicuramente, ma basta vedere un qualsiasi estratto di questa band dal vivo per capire che quello che mettono su cd lo portano live.
Miglior canzone del disco assolutamnente la numero due, con un coro melodico orientale che non fa fatica ad imprimersi nella testa dell'ascoltatore, se Hanubi fosse vivo ai giorni nostri sarebbe un membro dei Nile.
Portavoci ormai dei concept sull'antico Egitto, anche questa volta non si smentiscono, ed infarciscono le sfuriate death metal con stacchi acustici e riff dalle sonorità orientaleggianti.
L'unica cosa per cui si rendono odiosi è la lunghezza dei titoli ma c'è di peggio, sta di fatto che questo disco è un nuovo geroglifico che va perfettamente a decorare il sarcofago della loro discografia.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Aprendo il portale tra la vita e la morte...inchinatevi ai Winternius
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il debutto degli Ignited raggiunge la sufficienza
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Doro: una regina affezionata alle proprie sonorità
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Warkings è sinonimo di qualità
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dalla Finlandia il martellante Blackened Death dei Sepulchral Curse
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Una nuova sfilza di ospiti ed un altro buonissimo album: tornano i Buried Realm
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Damnation Angels: ritorno in gran stile!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Chrysarmonia: pronti per il full length
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Elvenpath, non ci siamo proprio!
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Princess: “Lovely Heaven Crazy Band” è un disco a fasi alterne
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla