A+ A A-
 

Interessante ep per i Savage Machine con il loro classic metal di qualità Interessante ep per i Savage Machine con il loro classic metal di qualità Hot

Interessante ep per i Savage Machine con il loro classic metal di qualità

recensioni

titolo
Through The Iron Forest
etichetta
Savage Machine
Anno

Savage Macine are: 
Troels Rasmussen – Vocals 
Jacob Bruun – Lead guitars 
Simon Poulsen – Rhythm guitars 
Benjamin Andreassen – Bass 
Martin Helbo – Drums

Tracklisting: 1. Dawn (intro) 2. Iron Forest 3. Fifth Computerworld 4. The Easy Way Out 5. Prisoners of War 6. The Final March 

opinioni autore

 
Interessante ep per i Savage Machine con il loro classic metal di qualità 2015-03-02 08:42:00 Federico Orano
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Federico Orano    02 Marzo, 2015
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

I Savage Machine arrivano dalla Danimarca, suonano heavy metal e gettano le loro basi prendendo spunto dai gruppi storici degli 80's (Maiden sicuramente ma non solo) ma con un sound moderno. E l'ep che andiamo a recensire, composto da 5 brani, mette in luce una band davvero valida

Dopo la breve e inutile intro si inizia a fare sul serio con "Iron Forest" pezzone da 90 dove bei riff potenti segnano la via su cui si muovono buone linee vocali. E la successiva e spedita "Fifth computerworld", che tanto deve ai Priest, si mantiene su buonissimi livelli.Un pò meno riuscita "The easy way out" una semi ballata un pò piatta a differenza dell'elettrizzante "Prisoner of war" che dimostra il lato migliore dei Savage Machine: ritmi alti, riff senza sosta di chitarra, basso ben inserito nel contesto e buone melodie. E a chiudere questo interessante ep troviamo "The final march" altro brano compatto e potente.

Insomma attendiamo la band all'importante passo del full lenght di debutto visto che i tempi sembrano maturi. Occhio ai Savage Machine!

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Aor purissimo per un tuffo negli anni 70 con Billy Sherwood
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dopo quasi due decadi, con un breve EP tornano i padri del NY Hardcore: i Cro-Mags
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i baschi Hex un Doom/Death con poche accelerazioni ma dall'impatto decisamente buono
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dai tedesco-olandesi Burial Remains un buon disco per i fans della vecchia scuola svedese
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
i Diviner possono ancora migliorare
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

A distanza di tredici anni tornano i thrashers americani Motive
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Seconda fatica per i lussemburghesi Feradur: un signor melodic death!
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Panthematic, un calderone di inflenze ma un lavoro immaturo.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Ragnhild propongono un insolito Viking Metal made in India
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debuttano feroci come bestie i canadesi Concrete Funeral
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Imago Imperii, una promettente band italiana
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla