A+ A A-
 

H.e.a.t: Live in London - l'occasione per diventare testimoni del loro strapotere live H.e.a.t: Live in London - l'occasione per diventare testimoni del loro strapotere live Hot

H.e.a.t: Live in London - l'occasione per diventare testimoni del loro strapotere live

recensioni

gruppo
titolo
Live in London
etichetta
earMusic
Anno
Tracklist:
01. “Point Of No Return”
02. “A Shot At Redemption”
03. “Better Off Alone”
04. “1000 Miles”
05. “It’s All About Tonight”
06. “Inferno”
07. “The Wreckoning / Tearing Down The Walls”
08. “Mannequin Show”
09. “Late Night Lady”
10. “In And Out Of Trouble”
11. “Downtown”
12. “Enemy In Me”
13. “Emergency”
14. “Breaking The Silence”
15. “Living On The Run”

Band:
Eric Rivers – Lead Guitar
Jona Tee – Keyboards, Vocals
Jimmy Jay – Bass, Vocals
Crash – Drums
Erik Grönwall – Lead Vocals, Acoustic Guitar

opinioni autore

 
H.e.a.t: Live in London - l'occasione per diventare testimoni del loro strapotere live 2015-03-05 07:41:41 Federico Orano
voto 
 
4.5
Opinione inserita da Federico Orano    05 Marzo, 2015
Ultimo aggiornamento: 05 Marzo, 2015
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Dopo 4 dischi di grande successo e un'intensissima attività live, soprattutto nell'ultimo anno, è giunta l'ora di coronare il primo traguardo del disco dal vivo per gli H.e.a.t.

Registrato al The Garage di londra lo scorso 16 maggio (data del mio compleanno, grazie), "Live in London" contiene 15 brani che seguono la setlist classica (che cambiava solamente di qualche brano) eseguita dalla band durante l'ultimo tour. Vengono quindi scelte moltissime songs dagli ultimi due lavori, quelli con Eric per intenderci, e tralasciati colpevolmente i primi due dischi, soprattutto lo splendido "Freedom Rock". E questa è l'unica pecca del disco, che per il resto merita il massimo dei voti in ogni aspetto, dal suono (magari non perfetto ma che giustamente suona live!) al coinvolgimento. La band inglese è favolosa on stage e chi ha potuto assistere ad un loro show se n'è accorto; io ho ancora impressa la loro esibizione allo scorso Leyendas del Rock dove hanno portato a scuola tutte le band presenti (e di nomi importanti ce n'erano parecchi). Ed in effetti forse un dvd sarebbe stato più appropriato per catturare l'essenza di uno spettacolo degli H.e.a.t con il nostro amato Gronwall che corre e salta sul palco fino a tuffarsi tra la folla, insomma per quanto il disco sia suonato e registrato bene, chiaramente non è come essere lì. "Point Of No Return" e "A Shot At Redemption" pescate dall'ultimo, fortunatissimo "Tearing down the walls" aprono alla grande il concerto, mentre dal precedente e superlativo lavoro "Address the nation" vengono proposte "Better off alone" e "In and out of trouble". Brividi assicurati come sempre con la meravigliosa "Downtown" ma anche con la stessa "Tearing down the walls" lasciata cantare al pubblico londinese. Son sicuro che noi italiani ci saremmo fatti sentire ancora più forte ma pazienza. Dai primi due dischi vengono estratte le solite "1000 miles" e "Late lady night", belle ed esplosive per carità, ma quanto ci mancano le varie "We're gonna make it to the end" e "I Can't Look the Other Way", tanto per citarne un paio. Chiude lo show l'accoppiata fantastica presa da "Address the nation" e composta da "Breaking the silence" e "Living on the run".

Gli H.e.a.t sono attualmente la miglior band melodic hard rock del globo, sia per qualità delle uscite sie per impatto live. Questo "Live in London" è l'occasione, per chi non lo fosse ancora, di diventare testimoni del loro strapotere live!

..e per il dvd penso proprio che l'appuntamento sia rimandato, magari già dopo il prossimo studio album!

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Aor purissimo per un tuffo negli anni 70 con Billy Sherwood
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dopo quasi due decadi, con un breve EP tornano i padri del NY Hardcore: i Cro-Mags
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i baschi Hex un Doom/Death con poche accelerazioni ma dall'impatto decisamente buono
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dai tedesco-olandesi Burial Remains un buon disco per i fans della vecchia scuola svedese
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
i Diviner possono ancora migliorare
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

A distanza di tredici anni tornano i thrashers americani Motive
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Seconda fatica per i lussemburghesi Feradur: un signor melodic death!
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Panthematic, un calderone di inflenze ma un lavoro immaturo.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Ragnhild propongono un insolito Viking Metal made in India
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debuttano feroci come bestie i canadesi Concrete Funeral
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Imago Imperii, una promettente band italiana
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla