A+ A A-
 

HARDCORE SUPERSTAR: NIENTE DI POSITIVO HARDCORE SUPERSTAR: NIENTE DI POSITIVO Hot

HARDCORE SUPERSTAR: NIENTE DI POSITIVO

recensioni

titolo
Hcss
etichetta
Gain Music
Anno

1. Don't Mean Shit
2. Party Till I'm Gone
3. The Cemetary
4. Off With Their Heads
5. Fly
6. The Ocean
7. Touch The Sky
8. Growing Old
9. Glue
10. Messed Up For Sure

opinioni autore

 
HARDCORE SUPERSTAR: NIENTE DI POSITIVO 2015-05-07 18:09:30 Federica Fraschini
voto 
 
1.0
Opinione inserita da Federica Fraschini    07 Mag, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Per quanto io di solito nelle recensioni analizzi pezzo per pezzo, questa volta sarò più riassuntiva, perchè in realtà non è che ci sia molto da dire.
Decimo album da studio per la band svedese capitanata da Joke Berg che dal 1998 ha riportato il glam sulla cresta dell'onda. Negli ultimi anni le sonorità sono cambiate e, sebbene all'inizio i lavori fossero comunque apprezzabili e con uno stile ben preciso, indicativamente dal 2009/2010 con "Beg For It" e "Split Your Lip" i brani ben riusciti hanno cominciato a contarsi sulla punta delle dita.
Avevo già recensito il precedente "C'mon Take On Me" e non mi aveva infatti entusiasmato per niente, con questo "Hcss" devo purtroppo confermare la mia delusione.
Per questo lavoro hanno detto di essersi ispirati al loro demo del 1994 e di aver voluto ritrovare quella carica e quelle sonorità ma io, dell'unico brano che sono riuscita a sentire di quel demo, non ci rivedo assolutamente niente, se non i suoni un pò più ruvidi rispetto agli altri lavori.
"Don't Mean Shit", "Party Till I'm Gone" e "The Cemetary" passano senza lasciare traccia, con sonorità trite e ritrite senza essere neanche troppo orecchiabili da rimanere un pò impresse. "Off With Their Heads" è già meglio, ma sicuramente non lascerà il segno.
La quasi ballad "Fly" non decolla e, anche se la parte strumentale mi piace molto, nel complesso non riesce a convincermi.
"The Ocean" e "Touch The Sky" le potete skippare serenamente.
"Growing Old" è l'unica che nel mucchio riesce a difendersi discretamente, mentre "Glue" e "Messed Up For Sure" rientrano nel gruppo iniziale del "non sono male, ma se non ci fossero state non ne avremmo sentito la mancanza".
Conclusione? Attendo speranzosa un reale ritorno alle vecchie sonorità.

Trovi utile questa opinione? 
06
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Un debut EP impressionante per i tedeschi Mære
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per gli Stench of Profit un debut album convincente
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dai siciliani Fordomth un ottimo lavoro di Black/Doom feroce ed atmosferico
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
  The Animal State: una one man band per un prog rock ricco di svariate influenze
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debutto in grande stile per gli americani VoidCeremony
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Purtenance ritrovano le proprie origini e pubblicano il loro lavoro migliore
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Racket: Heavy e pericolosi.
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Devil Crusade: un debutto ancora un po' acerbo
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Battle Born, un esordio sulla scia di Majesty e Manowar
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla