A+ A A-
 

Debutto di fuoco per gli spagnoli SnakeyeS! Debutto di fuoco per gli spagnoli SnakeyeS! Hot

Debutto di fuoco per gli spagnoli SnakeyeS!

recensioni

gruppo
titolo
Ultimate Sin
etichetta
Autoproduzione
Anno

LINE UP:
Cosmin Aionita - Vocals
JustiBala - Guitars
Jose Pineda - Bass
Carlos Delgado - Drums


TRACKLIST:
1. Demon in Your Mind
2. Denied
3. Shadow Warriors
4. Black and White
5. Blood of The Damned
6. Rise of The Triad
7. Time of Dismay
8. Ultimate Sin
9. Snake Pit
10. Down with The Devil
11. The Cross is a Lie

opinioni autore

 
Debutto di fuoco per gli spagnoli SnakeyeS! 2015-06-08 16:27:48 Giuseppe Lombardo
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Giuseppe Lombardo    08 Giugno, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Dopo aver debuttato l'anno precedente con il buonissimo EP "Welcome to the Snakepit", è tempo per gli spagnoli SnakeyeS di uscire con il primo full lenght ufficiale.

Tutti gli elementi che avevano contraddistinto i 4 pezzi dell'EP, vengono riproposti prepotentemente anche su questo Ultimate Sin. Dunque è con grande piacere che ritroviamo sonorità dannatamente Heavy, tanti riff granitici, una giusta dose di accattivanti melodie, una produzione egregia (in grado di mettere in risalto ogni singolo strumento), una band in grande spolvero, ma soprattutto un Cosmin Aionita (praticamente il Rob Halford rumeno) assolutamente devastante al microfono.
Oltre ai 3 brani già ascoltati su "Welcome to the Snakepit", che comunque si riascoltano con piacere, Ultimate Sin contiene 8 nuovissimi pezzi di grande impatto sonoro.
Tra questi occorre sicuramente citare Devil In Your Mind (che apre il disco in maniera letteralmente imponente), Rise of the Triad (bellissimo il ritornello), Ultimate Sin (altro pezzo dai ritmi elevati), il mid-tempo The Cross Is A Lie, e, come già detto, i 3 brani "vecchi" (Snake Pit, Shadow Warriors e Time of Dismay), che brillano di luce propria anche in mezzo alle più recenti produzioni.

A mani basse direi che Ultimate Sin sia uno dei dischi più interessanti dell'anno. Se apprezzate l'Heavy Metal tradizionale senza contaminazioni questo è il disco che fa per voi! (Ultra consigliato per i fan di Judas Priest!)

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Il primo disco degli Hatriot senza Steve "Zetro" Souza
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dalla Russia i Deva Obida, malinconici e melodici
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
E' convincente il debutto dei francesi Dreamslave
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Twilight Force sono pronti a superare i loro maestri
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
The Holeum, Allaroundmetal recensisce in anteprima il nuovo disco della band spagnola!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

C'è molto da lavorare per i Rot Schimmel
Valutazione Autore
 
1.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ep di debutto per The Last Martyr, band australiana che suona un post hardcore melodico
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Culloden ed una proposta anacronistica
Valutazione Autore
 
1.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Infrared compiono qualche passo avanti
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla