A+ A A-
 

Oker, colpevoli di un gran bell'heavy metal! Oker, colpevoli di un gran bell'heavy metal! Hot

Oker, colpevoli di un gran bell'heavy metal!

recensioni

gruppo
titolo
Culpable
etichetta
Warner Music
Anno
Line-up:
Xina - voce
Lolo - chitarra ritmica
Destroyer- chitarra solista
Luisito- basso
José- batteria
 
Tracklist:
01. Vuelvo A Resurgir (04:43) 
02. Culpable (04:43) 
03. Heavy Metal (04:09) 
04. Nunca Lo Fuiste (04:42) 
05. Que Mas Da (04:33) 
06. Prejuicio (04:53) 
07. Último Adiós (04:38)
08. El Rugido De Los Convictos (04:45) 
09. Corre (04:23) 
10. Vallecas (03:34)

opinioni autore

 
Oker, colpevoli di un gran bell'heavy metal! 2015-09-03 06:51:35 Federico Orano
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Federico Orano    03 Settembre, 2015
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Recensione a cura di Martino Brambilla Pisoni

Oggi scopriamo l'ultimo lavoro in studio (targato 2013) degli spagnoli Oker, band classic metal guidata dalla brava e bella cantante Carmen Xina e formatasi a Madrid ormai dieci anni fa.
Il disco inizia con la carica "Vuelvo A Resurgir", dove a farla da padrone è la voce graffiante ed aggressiva della giovane Xina, ben supportata da una base heavy che rimanda agli Accept più veloci o ai Judas più incazzati.
Segue a ruota la titletrack, dal vago sapore rock 'n' roll e stradaiolo, traccia ideale per i live e per farci scatenare con una "caña" (bicchiere di birra) in mano. "Heavy Metal" è un titolo forse troppo autocelebrativo ma, come avremo modo di leggere nell'intervista al chitarrista Lolo, l'amore che spinge questi ragazzi a suonare ed a sbattersi per il genere musicale che tutti noi amiamo giustifica appieno questa devota canzone, classico mid-tempo metallico arricchito dalla partecipazione del sempreverde Silver (ex-Muro) alla voce.
Un classico riff judaspriestiano ci introduce a "Nunca Lo Fuiste", forse la traccia che più descrive gli Oker: sempre sul pezzo,nessun cedimento strutturale e ritornello al cardiopalma...senza dubbio il brano migliore del disco.
Menzione particolare meritano anche la acceptiana "Corre", che si apre magistralmente nel ritornello, l'assillante (positivamente) "Prejuicios" e la ballad "Vallecas", dedicata al quartiere di Madrid da sempre punto di ritrovo di tutti i "metaleros" della capitale spagnola.
Insomma ci troviamo di fronte ad un tipico disco heavy metal, suonato però con una freschezza ed una dedizione che sicuramente innalzano il valore di una band che farà parlare molto di sé.

Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Il primo disco degli Hatriot senza Steve "Zetro" Souza
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dalla Russia i Deva Obida, malinconici e melodici
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

I nostrani The Big Jazz Duo, tra deathcore e sinfonia, tirano fuori un Ep che spacca!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
C'è molto da lavorare per i Rot Schimmel
Valutazione Autore
 
1.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ep di debutto per The Last Martyr, band australiana che suona un post hardcore melodico
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Culloden ed una proposta anacronistica
Valutazione Autore
 
1.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla