A+ A A-
 

Una conferma per i Kill Ritual con il loro terzo lavoro Una conferma per i Kill Ritual con il loro terzo lavoro Hot

Una conferma per i Kill Ritual con il loro terzo lavoro

recensioni

titolo
Karma Machine
etichetta
Scarlet Records
Anno

Tracklisting:

1.  Just A Cut

2.  Rise

3.  The Enemy Inside

4.  The Key

5.  Karma Machine

6.  My Green Room

7.  Kundalini

8.  Land Of The Dead

9.  Camera's Eye

 

Line-up:

·       David Reed Watson - Vocalen

·       Steven D. Rice - Gitaar

·       Bobby HQ Storm - Basgitaar

·       Koryon Bobikyan - Drums

opinioni autore

 
Una conferma per i Kill Ritual con il loro terzo lavoro 2015-09-21 07:14:36 Federico Orano
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Federico Orano    21 Settembre, 2015
Ultimo aggiornamento: 21 Settembre, 2015
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Arrivano al terzo disco in studio i Kill Ritual, band sempre seguita dalla nostra Scarlet Records e nata dalle ceneri degli Imagika, che ci propone un heavy metal con forti influenze Power e Thrash.

In "Karma machine" troviamo 9 brani nuovi di zecca che seguono il sound classico della band nord americana e dove debutta il nuovo singer David Reed Watson. Le songs sono potenti ma mantengono delle melodie ben composte ne è un ottimo esempio "Rise" con riff da far agitare la testa ma anche bei coretti e la buona prova di David appunto. Ma la proposta della band statiunitense si dimostra varia e così si passa dall'aggressiva "The enemy inside" al metal classico di "The key" fino alla bella strumentale powereggiante "My green room". E poi la title track un brano ben composto con ottimi solos, buone linee vocali e riff convincenti. Certo mancano dei veri e propri momenti che ti lasciano a bocca aperta, ma questo lavoro si lascia ascoltare piacevolmente.

Tirando le somme è evidente che questo nuovo disco targato Kill Ritual sia un lavoro solido, ben prodotto e registrato, che senza strappare chissà quali consensi farà la gioia dei fans della band perchè "Karma Machine" è una conferma del valore del gruppo nord americano.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Aor purissimo per un tuffo negli anni 70 con Billy Sherwood
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dopo quasi due decadi, con un breve EP tornano i padri del NY Hardcore: i Cro-Mags
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i baschi Hex un Doom/Death con poche accelerazioni ma dall'impatto decisamente buono
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dai tedesco-olandesi Burial Remains un buon disco per i fans della vecchia scuola svedese
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
i Diviner possono ancora migliorare
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

A distanza di tredici anni tornano i thrashers americani Motive
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Seconda fatica per i lussemburghesi Feradur: un signor melodic death!
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Panthematic, un calderone di inflenze ma un lavoro immaturo.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Ragnhild propongono un insolito Viking Metal made in India
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debuttano feroci come bestie i canadesi Concrete Funeral
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Imago Imperii, una promettente band italiana
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla