A+ A A-
 

Ephyra: Sound nordici sempre migliori per la band italiana Ephyra: Sound nordici sempre migliori per la band italiana Hot

Ephyra: Sound nordici sempre migliori per la band italiana

recensioni

gruppo
titolo
Among The Path
etichetta
Bakerteam Records
Anno

 

01. Melancholy Rise

02. Human Chaos

03. All At Once

04. Cruel Day

05. Flaming Tears

06. Hope

07. Last Night

08. Riding With The Sun

09. Land’s Calling

10. No Dream

11. Alive

opinioni autore

 
Ephyra: Sound nordici sempre migliori per la band italiana 2015-12-02 22:01:27 Gianni Izzo
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Gianni Izzo    02 Dicembre, 2015
Ultimo aggiornamento: 02 Dicembre, 2015
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ho avuto la possibilità di ascoltare gli Ephyra già ai tempi del loro primo demo, quando li recensì perconto della nostra ex casa: Powermetal.it.

Nel frattempo la metal band di Como ha debuttato con il full- lenght “Journey”, e quest’anno raddoppia con questo “Along The Path”, uscito da pochi giorni per la Bakerteam Records, con cui gli Ephyra hanno cominciato a collaborare dallo scorso settembre.
I musici nostrani ci propongono un folk-metal che si rifà molto alla tradizione nordica, uniscono il mondo del power capitanato dalla melodica voce di Nadia Casali, a quello più estremo, molto vicino per sonorità a band quali gli Ensiferum, quindi un sound battagliero che esplode attraverso il growling di Francesco Braga e gli arguti riff chitarristici, che stemperano la loro durezza per mezzo delle sempre presenti melodie popolari, e attraverso scelte musicali di estrazione più legata all’heavy classico. Già con il loro demo mi avevano convinto, nonostante alcuni problemi di tecnica e produzione. Gli Ephyra di oggi però sono notevolmente migliorati in tutto, in particolare il loro songwriting si presenta di gran lunga meno macchinoso rispetto agli esordi, di conseguenza più fluido, personale e curato nei dettagli. Diversi gli ospiti nel disco arrivano da parte dei Folkstone, Furor Gallico ed Evenoire, e vanno ad arricchire il tutto con le proprie performance sia vocali, che ritmiche e strumentali, abbiamo quindi arpe, flauti, percussioni.
La prima parte di “Along The Path” si rivela essere quella migliore, brani come “Human Chaos”, “Cruel Day” e “Flaming Tears” si presentano molto bene, tra momenti graffianti ed altri più sinfonici. Tra tutte però è sicuramente “All At Once” ad avere una marcia in più, un grandioso miscuglio tra inno di battaglia e melodie da osteria, davvero ben fatta. L’acustica e sognante “Hope”, un altro dei migliori pezzi di “Along The Path”, chiude egregiamente questa prima parte del disco.

Anche le canzoni restanti hanno i propri assi nella manica, penso all’altra bella hit folkeggiante “Riding With The Sun”, mentre purtroppo altre canzoni non hanno un tiro così azzeccato, ma sottolineano che non c’è un brano che si possa definire “uscito male”, siamo a livelli complessivi più che discreti, pur con qualche ovvietà qua e la, e qualche linea vocale non eccelsa. Ma poco male, gli Ephyra al momento stanno facendo un buon rodaggio, e noi li promuoviamo senza remore, come è già successo agli inizi della loro giovane carriera.

Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Moritz, un buon melodic hard rock/aor capace di lasciarti soddisfatto
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Every Mother’s Nightmare, meglio lasciar spazio alle nuove leve?
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debbie Ray: swedish hard rock with style
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tenete d'occhio questo nome proveniente dai Paesi Baschi: Altarage
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tra Progressive Deathcore e Mathcore la proposta degli americani Dark Waters End
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Mork, il ritorno del True Norwegian Black Metal!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

demo

Metal dalle forti influenze prog in questo interessante debutto degli Shade of Echoes
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Dead Medusa ed un EP con troppo minutaggio sprecato
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Interessante la proposta di Freddy Spera e del suo solo project Crejuvent
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Secondo EP per i finlandesi Distress of Ruin
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Stilema: folk metal lirico!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Demo per la One Man Band romena Vorus: in formato cassetta!
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla