A+ A A-
 

Manach Seherath: Il primo lavoro della band italiana Manach Seherath: Il primo lavoro della band italiana Hot

Manach Seherath: Il primo lavoro della band italiana

recensioni

titolo
(s/t)
etichetta
Autoproduzione
Anno

 

01. Arti Manthano

02. Timeless

03. All In All

opinioni autore

 
Manach Seherath: Il primo lavoro della band italiana 2016-06-23 20:43:57 Gianni Izzo
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Gianni Izzo    23 Giugno, 2016
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Proposto dalla band con tre anni di ritardo rispetto alla sua effettiva uscita, l’omonimo debutto dei napoletani Manach Seherath (che in un’antica lingua non meglio specificata, significherebbe “attingere alla sorgente”), ci presenta tre tracce heavy metal assestate su mid-tempo rocciosi ed epici, cupi e malinconici, dove le tastiere, che hanno sicuramente un’importanza centrale nell’economia del sound dei Manach, offrono una ricercata sfaccettatura sinfonica al tutto.

Il sound, grazie anche all’approccio particolare del cantante, la cui voce, al netto delle differenze tecniche, assomiglia molto alla grandiosa ugola dell’ex vocalist degli Iced Earth, Matt Barlow, si rifà proprio alle atmosfere dei primi dischi della band americana, così come a certo epic metal dalle trame più doom degli anni ’80, (prendete come esempio i Candlemass), ma rivisto in chiave moderna.

Il songwriting non è male, c’è da curare un po’ di più gli arrangiamenti, le tastiere sembrano voler di fatto tenere in mano il sound dei Manach Seherath, ma spesso fagocitano il lavoro delle chitarre, ed in generale, in alcuni punti mi sono sembrate troppo elementari per avere un così importante ruolo da portare avanti.

I 3 brani hanno comunque un buon tiro, i Manach Seherath sanno esprimere una particolare passionalità sinistra nei loro pezzi, ed “All In All” in particolare, è un lavoro azzeccato quasi in pieno, peccato per la parte parlata sul finale, dove l’interpretazione latita. Ma come ripeto sempre, è molto difficile improvvisarsi dei buoni narratori, in questo hanno fallito anche nomi più blasonati.

Per il resto, è ovvio che sia difficile giudicare un lavoro di circa un quarto d'ora, ma la prima impressione è stata buona, aspettiamo quindi di vedere cos’altro hanno in serbo per noi questi ragazzi, che al momento promuoviamo senza remore

Trovi utile questa opinione? 
31
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Il primo disco degli Hatriot senza Steve "Zetro" Souza
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dalla Russia i Deva Obida, malinconici e melodici
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

I nostrani The Big Jazz Duo, tra deathcore e sinfonia, tirano fuori un Ep che spacca!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
C'è molto da lavorare per i Rot Schimmel
Valutazione Autore
 
1.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ep di debutto per The Last Martyr, band australiana che suona un post hardcore melodico
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Culloden ed una proposta anacronistica
Valutazione Autore
 
1.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla