A+ A A-
 

Malacoda, si può fare meglio Malacoda, si può fare meglio Hot

Malacoda, si può fare meglio

recensioni

gruppo
titolo
"Ritualis aeterna"
etichetta
Autoproduzione
Anno

 

TRACKLIST:

1. Penny Dreadful (5:34)

2. I Got A Letter (4:37)

3. Pandemonium (3:39)

4. The Wild Hunt (4:20)

5. Linger Here (2:23)

6. There Will Always Be One (3:47)

 

 

LINE-UP:

Jonah Weingarten - Keyboards, Orchestration

Lucas Di Mascio - Guitars, Vocals, Bass

Brad Casarin - Guitars

Mike Harshaw - Drums

 

Guitar Solos on “Penny Dreadful” – Joe Waller, Jessy Oppenheimer

opinioni autore

 
Malacoda, si può fare meglio 2016-12-03 10:20:47 Ninni Cangiano
voto 
 
2.5
Opinione inserita da Ninni Cangiano    03 Dicembre, 2016
Ultimo aggiornamento: 23 Dicembre, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Quanto ha influito Dante Alighieri sul mondo metal? Tanto! Ennesima dimostrazione arriva da questa band canadese che ha scelto il nome di Malacoda, demone inventato dal Sommo Vate ed inserito nell’Inferno a capo di una truppa di diavoli, i Malebranche. Ma è evidente che i Malacoda sono appassionati di letteratura classica, dato che in questo loro secondo lavoro, l’E.P. intitolato “Ritualis aeterna” (mi piace un titolo latino per una band del continente americano!), ci sono riferimenti nei testi anche a personaggi come Dracula, Frankenstein e Dorian Grey, tra gli altri. Ammetto di non aver mai sentito prima questa band ed il paragone nella presentazione a nomi come Kamelot, King Diamond, Pyramaze, Dimmu Borgir e Paradise Lost mi ha obiettivamente incuriosito. Di fatto, però, in questi 6 brani non ho trovato alcun parallelismo con Paradise Lost o Kamelot, quasi niente di Dimmu Borgir (se si eccettua qualche raro passaggio di tastiere) e molto poco di Pyramaze, più che altro in un certo gusto per le melodie. Il paragone più calzante forse lo trovo con King Diamond per via di quella vena horrorifica che accomuna il sound di queste due band, altrimenti alquanto distanti; i Malacoda sono, infatti, molto più modern-oriented rispetto alla musica del maestro danese. Ecco quindi la presenza (a volte ingombrante) di una robusta dose di growling che avvicina pericolosamente il sound dei canadesi al mainstream americano del modern metal e metalcore in genere, allontanandolo dall’horror e dal gothic che dovrebbero essere invece delle linee guida. E forse proprio qui sta il “tallone d’Achille” dei Malacoda, la cui musica non dispiace, ma non riesce a colpirmi e conquistarmi; la trovo quasi troppo “plasticosa” e poco “cattiva” per poter essere un horror metal convincente. Probabilmente avrebbero bisogno di ascoltare un pochino di scuola europea, ed italiana in particolare, per rendere il proprio sound più “malsano”. In tal senso, il brano più azzeccato risulta essere “The Wild Hunt” che veramente potrebbe far buona figura in un film horror, grazie alle sue evocative tastiere (ma non parliamo di symphonic power, come nella presentazione, per carità!) che creano le atmosfere adatte. Intravedo buone potenzialità nei Malacoda che, abbandonando tentazioni modernistiche (meno growling per favore!) e concentrandosi maggiormente sulle atmosfere e sulle melodie, potranno sicuramente in futuro sfornare un lavoro più interessante di questo “Ritualis aeterna” che sfiora comunque la sufficienza. Ad maiora!

P.S. Il disco a gennaio 2018 sarà pubblicato dalla Rockshots Records

Trovi utile questa opinione? 
11
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

I Cynic ci regalano purtroppo solo un singolo
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il malinconico debut album della one man band Somnent
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I nuovi shredders: disco di esordio per Dustin Behm!
Valutazione Autore
 
1.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sarà il disco della consacrazione per i Deathless Legacy?
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Atmosfere gotiche, nordiche, fantasy per gli Unshine
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un heavy suonato bene per i Random Eyes
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

I Blaspherion dovranno fare più di così per emergere dalla massa
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un groove metal dritto come un pugno tra i denti! South Of No North - Stubborn
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il virtuosismo non è tutto! Progetto strumentale per Luca Negro
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una produzione a dir poco pessima porta alla stroncatura del debut album degli Svarthart
Valutazione Autore
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
In Grind We Trust, One day In Fukushima non la mandano a dire!
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
CHIEN BIZARRE: Alternative Indie Rock Italiano Di Assoluto Spessore!!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla