A+ A A-
 

Italian symphonic masters: i Carved Italian symphonic masters: i Carved Hot

Italian symphonic masters: i Carved

recensioni

gruppo
titolo
Kyrie Eleison
etichetta
Revalve Records
Anno

TRACKLIST

1 Viaticum

2 Malice stricker

3 Lilith-Carved

4 The burning joke

5 Heart of Gaia

6 Swamp

7 The dividing line

8 Absence

9 Faith-Carved

10 The hidden ones

11 Camlann

12 The bad touch



MEMBERS
CRISTIAN GUZZON - Vocals
ALESSIO ROSSANO - Guitars
DAMN TERZONI - Guitars
LORENZO NICOLI - Bass
GIULIO SAMAEL - Drums

FEDERICO MECOZZI - Violin 
MARCO MANTOVANI - Orchestral

 

opinioni autore

 
Italian symphonic masters: i Carved 2017-02-20 19:34:07 Giuseppe Panteghini
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Giuseppe Panteghini    20 Febbraio, 2017
Ultimo aggiornamento: 21 Febbraio, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Questa volta ci troviamo di fronte ad un lavoro importante ragazzi. Gli italici Carved, ci mettono davanti ad un'opera complessa e magistralmente strutturata. Mi sono stati presentati come melodic death metal band, ma l'etichetta gli sta stretta di sicuro. Pure io, che di solito non mastico queste sonorità, sono stato favorevolmente colpito dalla mole importante di questo "Kyrie Eleison". Ogni brano è complesso e vario. Orchestrazioni da brividi ed arrangiamenti di un gusto eccezionale. Dunque spogliate anfibi, chiodo e cintura di borchie. Piazzatevi sulla vostra poltrona preferita con un bicchiere di qualcosa di forte (non è musica per dozzinale birra) e fatevi ammaliare dalle infinite trame dei Carved. L'incedere epico di "Swamp" è fantastico, per non parlare di "Heart of Gaia" che è poesia in musica. Potrei accostarli ai Ne Obliviscaris o agli Oceans of slumber. Ma qui si parla di musica, con la M maiuscola. Niente etichette né catalogazioni. Consigliatissimo!

Trovi utile questa opinione? 
11
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Dalla Grecia il melodic death malinconico dei Gentihaa
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I capitolini Enemynside tornano con un thrash onestissimo e funzionante
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Wormhole: quando lo Slam/Brutal incontra il Progressive Death di scuola canadese
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

I canadesi Sophist sono rimandati al prossimo lavoro (di prossima uscita)
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un buon debutto per gli americani Frogg, ma con qualcosa da migliorare per il futuro
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un debut album discreto per i blackened death metallers americani Deadspawn
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Molto interessante, seppur breve, il debut EP dei canadesi Unburnt
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Congiura: quando la fenice rinasce dalle sue ceneri
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dalla Russia un buon prodotto Melodic Death/Black da parte della one man band Doom Rot
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla