A+ A A-
 

Italian symphonic masters: i Carved Italian symphonic masters: i Carved Hot

Italian symphonic masters: i Carved

recensioni

gruppo
titolo
Kyrie Eleison
etichetta
Revalve Records
Anno

TRACKLIST

1 Viaticum

2 Malice stricker

3 Lilith-Carved

4 The burning joke

5 Heart of Gaia

6 Swamp

7 The dividing line

8 Absence

9 Faith-Carved

10 The hidden ones

11 Camlann

12 The bad touch



MEMBERS
CRISTIAN GUZZON - Vocals
ALESSIO ROSSANO - Guitars
DAMN TERZONI - Guitars
LORENZO NICOLI - Bass
GIULIO SAMAEL - Drums

FEDERICO MECOZZI - Violin 
MARCO MANTOVANI - Orchestral

 

opinioni autore

 
Italian symphonic masters: i Carved 2017-02-20 19:34:07 Giuseppe Panteghini
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Giuseppe Panteghini    20 Febbraio, 2017
Ultimo aggiornamento: 21 Febbraio, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Questa volta ci troviamo di fronte ad un lavoro importante ragazzi. Gli italici Carved, ci mettono davanti ad un'opera complessa e magistralmente strutturata. Mi sono stati presentati come melodic death metal band, ma l'etichetta gli sta stretta di sicuro. Pure io, che di solito non mastico queste sonorità, sono stato favorevolmente colpito dalla mole importante di questo "Kyrie Eleison". Ogni brano è complesso e vario. Orchestrazioni da brividi ed arrangiamenti di un gusto eccezionale. Dunque spogliate anfibi, chiodo e cintura di borchie. Piazzatevi sulla vostra poltrona preferita con un bicchiere di qualcosa di forte (non è musica per dozzinale birra) e fatevi ammaliare dalle infinite trame dei Carved. L'incedere epico di "Swamp" è fantastico, per non parlare di "Heart of Gaia" che è poesia in musica. Potrei accostarli ai Ne Obliviscaris o agli Oceans of slumber. Ma qui si parla di musica, con la M maiuscola. Niente etichette né catalogazioni. Consigliatissimo!

Trovi utile questa opinione? 
11
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Gli Psychomancer hanno forse un po' troppo "allungato il brodo"
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dagli States i Sentient Horror mostrano il loro amore verso lo Swedish Death Metal
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tornano dopo 12 anni i veterani del Death Metal teutonico: nono album per i Fleshcrawl
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ennesima prova strepitosa per i Cattle Decapitation
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Vastator, only for die-hard fans
Valutazione Autore
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Per gli australiani Alchemy un debut EP che lascia ottime speranze per il futuro
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Metal sinfonico neoclassico in questo primo album dei messicani Yeos.
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ep di quattro brani dediciti ad un heavy metal grezzo ed old school per gli Olymp
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Seppur breve, convince l'EP dei californiani Larvae
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i britannici Itheist un debutto (col nuovo nome) senza infamia e senza lode
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debutto per la tastierista dei Cradle of Filth: Martyr di Lindsay Schoolcraft!
Valutazione Autore
 
2.8 (2)
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla