A+ A A-
 

Mors Principium Est: un melodic death con gli attributi Mors Principium Est: un melodic death con gli attributi Hot

Mors Principium Est: un melodic death con gli attributi

recensioni

titolo
Embers of a Dying World
etichetta
AFM Records
Anno

 

 

Tracklist

  • Genesis
  • Reclaim The Sun
  • Masquerade
  • Into The Dark
  • The Drowning (Bonus Track)
  • Death Is The Beginning
  • The Ghost
  • In Torment
  • Agnus Dei
  • The Colours Of The Cosmos
  • Apprentice Of Death

 

 

Line-up

  • Ville Viljanen - Vocals
    Mikko Sipola - Drums
    Teemu Heinola - Bass
    Andy Gillion - Guitars

 

opinioni autore

 
Mors Principium Est: un melodic death con gli attributi 2017-04-13 18:06:00 Luigi Macera Mascitelli
voto 
 
5.0
Opinione inserita da Luigi Macera Mascitelli    13 Aprile, 2017
Ultimo aggiornamento: 13 Aprile, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L’anno 2017 dal punto di vista musicale parte davvero bene, soprattutto per la scena melodic death. Finalmente è stato rilasciato “Embers of a Dying World”, il sesto album dei Mors Principium Est: la band finlandese, dopo vari cambi di formazione e una miglior caratterizzazione del proprio stile, ci presenta un prodotto con gli attributi per la gioia di noi fans.


Cominciamo subito con il dire che il sound di questo lavoro è sorprendentemente scuro, violento, disperato e malinconico: un melodic death con innesti death e symphonic. Chi se lo sarebbe aspettato da una band della Finlandia, considerando che da queste parti le sonorità sono più morbide e cristalline (vedasi gli Insomnium)! Se volete farvi un’idea riguardo questo particolare stile non potete non ascoltare “Into The Dark”: tutta la melodia che accompagna il brano sembra provenire direttamente dai migliori lavori dei Dimmu Borgir, ma la band non si limita a questo e ci sbatte in faccia un riff sparato e cattivissimo di indubbia provenienza At The Gates. Passando, invece, a brani come “The Drowning” è percepibile anche l’influenza dei compaesani Children Of Bodom; eppure i Mors Principium Est riescono sempre a mettere la loro firma, vuoi dal particolare scream di Villie, vuoi dalla chitarra inconfondibile. Insomma,è sempre presente un qualcosa che dica “ehi, questi siamo noi e basta!”.
Per non spoilerarvi troppo questo capolavoro mi limiterò a menzionare quella che, secondo me, è la traccia più bella in assoluto, “Death Is The Beginning”: è una specie di ballad tristissima, disperata e con una melodia a dir poco spettacolare… la messa in musica di un pianto agonizzante, poesia pura per le orecchie e per il cuore. Non vi dico bugie affermando di averla ascoltata per due giorni di fila; ed ogni volta la pelle d’oca è d’obbligo.


I complimenti alla band sono assolutamente doverosi perché, con “Embers Of A Dying Wolrd”, entra di diritto nei big del melodic death. È un lavoro innovativo in cui le influenze di vari gruppi e generi sono ben avvertibili e, tuttavia, razionalizzate in un prodotto unico e con molto carattere. La recensione stessa non basterebbe a dare il giusto spazio ad ogni singolo brano proposto, per cui sta a voi ascoltatori procurarvi il prima possibile una copia del disco per assaporarne le varie sfaccettature.

Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Se siete alla ricerca di un buon classic hard rock i Babylon A.D. fanno per voi!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Thrash Anthems II: il nuovo spettacolare lavoro dei titani Destruction
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un best of per l'ultima decade dei Primal Fear
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Melodic hard rock esemplare con gli Shakra
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Vice: un ritorno trascurabile in un panorama fin troppo battuto al momento
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
“Un po’ al di sotto delle aspettative questo primo album dei Beast in Black”.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Mind Enemies: esordio tra power e prog metal
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Act Of Sin: una band di titani che vi prenderà a calci con il loro sound particolare
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nervcast: thrash decisamente interessante dal Canada
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Bulletback sono l'ennesima prova della miopia del music business!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Arya: il prog italiano visto da un'altra prospettiva
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tra Progressive Deathcore e Mathcore la proposta degli americani Dark Waters End
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla