A+ A A-
 

Gli Avelion sono pronti per spiccare il volo Gli Avelion sono pronti per spiccare il volo Hot

Gli Avelion sono pronti per spiccare il volo

recensioni

gruppo
titolo
“Illusion of transparency”
etichetta
Revalve Records
Anno

 

LINE UP

William Verderi – Vocals

Oreste Giacomini – Keyboards and Programming

Leonardo Freggi – Guitars

Danilo Arisi – Bass

Alessandro Ponzi – Drums

 

 

TRACKLIST

1.      Fading Out

2.      Echoes And Fragrance

3.      Burst Inside

4.      Derailed Trails Of Life

5.      Falling Down

6.      Innocence Dies

7.      Waste My Time

8.      Open Your Eyes

9.      Ain’t No Dawn

10.  Never Wanted

 

Bonus Track : Echoes and Fragments (The Algorithm Remix)

opinioni autore

 
Gli Avelion sono pronti per spiccare il volo 2017-04-13 19:32:21 Ninni Cangiano
voto 
 
4.5
Opinione inserita da Ninni Cangiano    13 Aprile, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Gli Avelion arrivano da Parma ed hanno alle spalle la realizzazione di due E.P. nel 2011 e 2013 (che ho già avuto il piacere di recensire sia su queste, che sulle gloriose pagine ormai scomparse di powermetal.it); giungono quindi al loro primo full-lenght con questo “Illusion of transparency”, registrato nei Domination Studio sotto la sapiente guida di Simone Mularoni che oramai è una garanzia di qualità assoluta. Il sound di questa band è un interessantissimo prog/power sulla scia di grandi maestri di questo particolare genere, come gli australiani Voyager e gli statunitensi Theocracy. A ciò gli Avelion aggiungono anche una discreta componente electro, grazie all’ottimo uso delle tastiere di Oreste Giacomini, che rende ancora più particolare e personale la loro proposta musicale. Naturalmente per suonare questo tipo di metal, serve una tecnica non indifferente, particolare che non manca ai musicisti del gruppo, né all’ottimo cantante William Verderi, dotato di un’ugola calda e pulita ed estremamente espressiva che mi ha vagamente ricordato quella del grande Michele Guaitoli (Overtures e Kaledon). L’album è composto da 10 pezzi, cui si aggiunge una bonus track purtroppo non messa a disposizione per questa recensione. Non ho riscontrato alcun momento qualitativamente inferiore all’eccelso, tutto funziona alla perfezione e non c’è assolutamente niente fuori posto; ogni brano, infatti, ha una sua struttura ben precisa e procede senza intoppi o inutili orpelli o ammennicoli vari, evidenziando in questo come la band adesso sappia perfettamente come costruire una canzone funzionale, equilibrata e funzionante (cosa che in passato non era successo sempre). Nonostante il genere proposto non sia di semplice assimilazione, l’attenzione ed il gusto per le melodie rendono scorrevole il tutto ed è stato un gran piacere procedere, ascolto dopo ascolto, con la recensione. Qui c’è davvero tanta roba, tanta carne al fuoco, ma mai in maniera esagerata ed i quasi ¾ d’ora del lavoro sembrano volare senza nemmeno rendersene conto. Non ho un pezzo preferito, perchè davvero tutti sono estremamente gradevoli e convincenti, oltre che coinvolgenti. Gli Avelion con questo ottimo “Illusion of transparency” bussano all’Olimpo del prog/power mondiale con tutte le potenzialità per entrarne a far parte in pianta stabile!

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Molta più melodia per i Mastercastle
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Finalmente un nuovo disco degli Athlantis
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Antropofagus confermano come il Death Metal italiano non sia ormai secondo a nessuno
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Technical Death sperimentale e fantascientifico nel debutto dei Fractal Generator
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Pyogenesis : A Kingdom To Disappear, modernità e melodia
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

demo

Hypocras: Un ep con in mente gli Eluveite e...la musica dance
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Dimonra e la poliedricità
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Chasing The Serpent devono scegliere una strada precisa
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Urskog: one man band direttamente dalle foreste svedesi
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Grit, quando la passione non basta
Valutazione Autore
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Buon biglietto da visita il secondo demo dei deathsters lombardi Crypt of the Whisper
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla