A+ A A-
 

Grit, quando la passione non basta Grit, quando la passione non basta Hot

Grit, quando la passione non basta

recensioni

gruppo
titolo
"Warsworn"
etichetta
Autoproduzione
Anno

 

TRACKLIST

1. Pity

2. Closer to hate

3. Warsworn

4. 13 knots

5. Righteous kill

6. Amusing the devil

 

 

LINE-UP:

Damion Brewer: Vocals

Mike Ewing: Guitars

Leland Holden: Bass

Scott Longballa: Drums

opinioni autore

 
Grit, quando la passione non basta 2017-04-23 16:54:42 Ninni Cangiano
voto 
 
1.5
Opinione inserita da Ninni Cangiano    23 Aprile, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I Grit arrivano dall’Oregon e si sono formati nel 2015. Dopo aver realizzato un demo di tre brani, ne hanno composti altri tre per realizzare questo E.P. intitolato “Warsworn” con cui cercano di farsi conoscere in giro. Il genere proposto è un thrash metal, contaminato da un forte approccio modern/groove, sia per l’impostazione vocale del singer Damion Brewer (che sinceramente, dopo un po’ di ascolti, rischia davvero di annoiare, essendo poco espressiva ed esageratamente aggressiva), ma anche per le ritmiche poco frizzanti e la compressione nel suono delle chitarre. Non so quali siano i brani del primo demo, ma devo dire che i primi due pezzi del disco sono sicuramente più validi degli altri, per via di un minimo di ritmo in più, ma anche per la presenza di qualche minima parte più tecnica nella chitarra di Mike Ewing (come l’assolo di “Closer to hate”). Un minimo di melodia la si può trovare anche in “Righteous kill” che, con un cantante più dotato e più espressivo (mi sembra un incrocio mal riuscito tra Tom Araya e Chuck Billy), probabilmente avrebbe avuto un risultato migliore. Non aiuta poi la lunghezza eccessiva di alcuni brani, 7 minuti per la title-track e poco meno per “13 knots” risultano un’eternità. Se poi si va a cercare originalità... bé, evitiamo di affossare ulteriormente questo lavoro. Parliamoci chiaro, ascolto thrash metal da circa 30 anni e bands migliori dei Grit ne ho ascoltate a migliaia; “Warsworn” è destinato ai fans della band ed alla loro cerchia di amici, mette in evidenza l’amore e la passione per la musica da parte di questo quartetto (e pertanto massimo rispetto!), ma nulla di più o di particolarmente interessante.

Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Welcome back, Morbid Angel!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Heavy di qualità con i Mega Colossus
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La ristampa dell'esordio dei Dethonator
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debut album per i Khazaddum: Tolkien in chiave Death Metal
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ristampato da Season of Mist il debutto degli svizzeri Virvum
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ai Cobra serve un cantante differente
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Female fronted melodic metal con i brasiliani Vienna
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debutto per gli Shadowpath, nuova band di metal sinfonico proveniente dalla Svizzera.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una nuova leva della scena Death maltese alza la testa: ottimo l'EP dei Bound to Prevail
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Brutalità ragionata ma potente! - Divination degli HELSLAVE
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla