A+ A A-
 

Concept nietzschiano per il debut album dei prog-deathsters francesi Fractal Universe Concept nietzschiano per il debut album dei prog-deathsters francesi Fractal Universe Hot

Concept nietzschiano per il debut album dei prog-deathsters francesi Fractal Universe

recensioni

titolo
Engram of Decline
etichetta
Kolony Records
Anno

Line Up:
Vince Wilquin – vocals, guitars
Hugo Florimond – guitars
Valentin Pelletier – bass
Clément Denys – drums

Tracklist:
1. Premiss to Reality
2. Sons of Ignorance
3. Scar Legacy of Hatred
4. Parricidal Ghosts
5. Venomous Coils of a Holy Fallacy
6. Backworldsmen (feat. Jørgen Munkeby from Shining)
7. A Name to Deny
8. Narcissistic Loop
9. Decline
10. Collective Engram

opinioni autore

 
Concept nietzschiano per il debut album dei prog-deathsters francesi Fractal Universe 2017-05-02 17:12:47 Daniele Ogre
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Daniele Ogre    02 Mag, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Si affaccia una nuova interessantissima realtà nell'ambito del Progressive Death Metal, genere che, col proprio "gemello" (per la maggiore più estremo) Technical, si sta sempre più consolidando come tra gli stili più in voga al momento. Per i fans di Obscura, Beyond Creation e Black Crown Inititate ci sono adesso anche i francesi Fractal Universe, che, dopo un EP del 2015, arrivano al traguardo del debut album con "Engram of Decline" per l'italianissima Kolony Records.

Basato su "Così Parlò Zarathustra" del filosofo tedesco Friedrich Nietzsche, "Engram of Decline" è un album che si dimostra estremamente interessante dalle primissime note. Non stupisce ovviamente l'enorme tecnica del quartetto transalpino, ma la nota positiva è che l'elevata preparazione tecnica non si produce in mero esercizio di masturbazione strumentale. Grazie anche ad una strabordante sezione ritmica, i nostri sanno quando "lasciarsi andare", dando saggio di quanto sia importante per loro la componente Death del loro sound. "Parricidal Ghosts" è un esempio lampante, un pezzo in cui a passaggi tipicamente Prog, seppur ben appesantiti, fanno da contraltare delle impressionanti sfuriate guidate in primis dai martellanti blast beats di Clément Denys. Per un'ora i Fractal Universe esplorano la storia del pensiero umano attraverso il mettere in musica uno dei più famosi scritti della storia. E la cosa che maggiormente importerà al pubblico è che lo fanno dannatamente bene. Grazie a fraseggi molto più tranquilli, la band francese riesce a dare ampio respiro ad un album che, seppur lungo nella sua durata (un'ora, come dicevo prima), riesce a non annoiare praticamente mai. Ed a proposito di questo, saggia è stata la decisione di piazzare giusto nel mezzo la bellissima "Venomous Coils of a Holy Fallacy", cui segue la traccia probabilmente più "progheggiante" del disco, "Backworldsmen", in cui compare come ospite al sassofono Jørgen Munkeby degli Shining. Munkeby che non è il solo ospite, visto che come lead guitar nella conclusiva "Collective Engram" c'è Michael Keene dei The Faceless.

Un album, questo "Engram of Decline" dei Fractal Universe, che piacerà senz'altro a chi predilige un Death Metal spiccatamente più votato alla tecnica, senza che però questo vada ad inficiare sulla componente "estrema". Tecnicamente ineccepibile e supportato da una produzione che riesce a mettere in risalto tutto, "Engram of Decline" si attesta tra le sorprese di questo 2017 e tra i più interessanti debutti di questa annata.

Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

I Gama Bomb, alfieri dello speed metal
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Orion's Reign, ci sono voluti 10 anni per realizzare un capolavoro!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Terzo giro, terzo centro per l'hard rock frizzante dei Be The Wolf
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Album di debutto per gli Outer Heaven, tra Doom/Death e Hardcore
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un debutto tutto sommato discreto per gli svedesi Cursum Bellum
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Il primo lavoro dei Cernunnos è ancora acerbo
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Molto interessante il debut dei Beriedir
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Massive Scar Era, ci sono diverse cose da rivedere
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un debutto frizzante per gli HighSpeedDirt
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla