A+ A A-
 

Roommates: "Fake", il bellissimo album di debutto! Roommates: "Fake", il bellissimo album di debutto!

Roommates: "Fake", il bellissimo album di debutto!

recensioni

gruppo
titolo
Fake
etichetta
Nadir Music
Anno

TRACKLIST
1. Light
2. Blow Away
3. Fakin’ Good Manners
4. Black Man Guardian
5. Empty Love
6. On Water Wings
7. I Smile

LINE-UP
Davide Brezzo – Guitar & Voice
Danilo Bergamo – Guitar & Voice
Marco Quattrocorde – Bass & Voice
Alessio Spallarossa – Drum

 

opinioni autore

 
Roommates: "Fake", il bellissimo album di debutto! 2017-05-15 10:23:48 Piero Pizzorni
voto 
 
5.0
Opinione inserita da Piero Pizzorni    15 Mag, 2017
Ultimo aggiornamento: 15 Mag, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Vi dico subito quello che non mi è piaciuto di questo disco, ci sono solamente sette canzoni ☺
“Fake” è il titolo dell’album di debutto dei Roommates. La band, nata nel 2012 come trio acustico, ha aggiunto due anni più tardi un batterista, Alessio Spallarossa, eclettico drummer dei Sadist e ha deciso di dare una sterzata al proprio sound, aggiungendo volume ed energia.
I sette brani che costituiscono “Fake” sono da definire a tutti gli effetti southern rock, anche se sfumature grunge/hard rock/blues sono sempre in agguato.
Ho apprezzato e non poco questo lavoro, non trovo ci siano cose che non vanno, mi spiace solo che le tracce siano appunto solo sette, poco male, sono certo che i Roommates sapranno accontentarmi, senza farmi attendere troppo.
Quello che mi ha letteralmente sconvolto è la capacità con cui la band si muove sull’armonia, il lavoro svolto sulle linee vocali è a dir poco esemplare, ogni voce rende al massimo, esaltando l’album nella sua interezza. I sali/scendi con cui la band si districa attraverso i brani è incredibile, si passa dal rock energico di “Blow Away” e “Black Man Guardian”, ai momenti rassicuranti di “Empty Love”, “I Smile”, “Light”, tuttavia a rendere omogeneo questo disco ci pensa la qualità, sia ora adrenalina pura, sia ora in acustico, è sempre molto alta.
Ci troviamo a Nashville, Jacksonville, Alabama? Niente di tutto questo, i Roommates sono italiani, tutti noi ne dobbiamo andare più che fieri!

Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Molta più melodia per i Mastercastle
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Finalmente un nuovo disco degli Athlantis
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Antropofagus confermano come il Death Metal italiano non sia ormai secondo a nessuno
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Technical Death sperimentale e fantascientifico nel debutto dei Fractal Generator
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Pyogenesis : A Kingdom To Disappear, modernità e melodia
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

demo

Hypocras: Un ep con in mente gli Eluveite e...la musica dance
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Dimonra e la poliedricità
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Chasing The Serpent devono scegliere una strada precisa
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Urskog: one man band direttamente dalle foreste svedesi
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Grit, quando la passione non basta
Valutazione Autore
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Buon biglietto da visita il secondo demo dei deathsters lombardi Crypt of the Whisper
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla