A+ A A-
 

Un serio candidato a disco dell'anno: "Wrong One to Fuck with" dei Dying Fetus Un serio candidato a disco dell'anno: "Wrong One to Fuck with" dei Dying Fetus Hot

Un serio candidato a disco dell'anno: "Wrong One to Fuck with" dei Dying Fetus

recensioni

titolo
Wrong One to Fuck with
etichetta
Relapse Records
Anno

Line Up: 
John Gallagher - vocals, guitars 
Sean Beasley - bass, vocals 
Trey Williams - drums 

Tracklist: 
1. Fixated on Devastation [04:05] 
2. Panic Amongst the Herd [03:18] 
3. Diw with Integrity [05:14] 
4. Reveling in the Abyss [06:29] 
5. Seething with Disdain [05:33] 
6. Ideological Subjugation [05:19] 
7. Weaken the Structure [05:01] 
8. Fallacy [04:30] 
9. Unmitigated Detestation [05:20] 
10. Wrong One to Fuck with [04:52] 

Running time: 49:41

opinioni autore

 
Un serio candidato a disco dell'anno: "Wrong One to Fuck with" dei Dying Fetus 2017-06-29 21:45:12 Daniele Ogre
voto 
 
5.0
Opinione inserita da Daniele Ogre    29 Giugno, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il 2017 sembra essere un'annata d'oro per il Death Metal. Fino ad oggi di ottime uscite praticamente quasi non se ne contano più, talmente tante sono. Ma è adesso arrivato sul mercato qualcosa che rischia di far scomparire al confronto tutte le incredibile uscite avute sinora e mettere in ombra quelle che usciranno nel futuro prossimo. Signori: "Wrong One to Fuck with", ottavo album dei Dying Fetus, è un disco CLA-MO-RO-SO!

E questa recensione quasi si potrebbe fermare qui, data l'inutilità nel dire chi siano e da dove vengano i Dying Fetus e l'aggiungere che, con ogni probabilità, questo sarà il miglior disco estremo del 2017, oltre ad essere uno dei migliori degli ultimi anni. Ma giustamente, direte voi, andrebbe spiegato anche il motivo. Mi sembra più che giusto.
Ognuno dei dieci brani di quest'album è una scheggia impazzita e lascia intendere come i DF siano tornati in grande stile portandosi dietro tutto il loro carico fatto di tecnica eccelsa, mid-tempos tritaossa e accelerate assassine. La sola opening track, "Fixated on Devastation", vale quasi da sola l'acquisto del disco; ma non contento, il trio del Maryland decide che non ce ne deve essere abbastanza e che l'impavido ascoltatore dovrà avere di che terrorizzarsi. Quindi sotto con una serie infinita di cannonate, con ogni singola canzone che rappresenta un proiettile che va costantemente a segno. "Die with Integrity" (la mia preferita) e "Reveling in the Abyss" e "Ideological Subjugation" e... tutto. Quasi 50 minuti di album che sono da ascoltare tutto d'un fiato e che, alla fine, ti spingono a premere di nuovo PLAY e ricominciare da capo.

I Dying Fetus si ripresentano a cinque anni dall'ottimo "Reign Supreme" con un album che ridisegna i confini del Death/Brutal più tecnico, innalzando l'asticella dell'eccellenza più in alto. Molto più in alto. Gallagher e soci ritornano in pista in forma smagliante (con un Trey Williams che offre una prestazione che definire mostruosa sembra un mero eufemismo), consegnandoci con "Wrong One to Fuck with" un'opera che, ne sono certo, tra qualche tempo verrà annoverato tra le pietre miliari del genere. E se dopo averlo ascoltato vi sentirete frastornati non vi preoccupate: nessun tir vi è venuto addosso, sono solo i Dying Fetus che v'hanno preso a cazzottoni in faccia per 50 minuti.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Eighty One Hundred: Heavy Metal fumante e melodico per la band campana!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Delirium: il solito Pagan Black Metal.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Magnum: una band in crisi
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il debut album degli Ancient Knights con tanti ospiti internazionali
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Veritates: un debutto notevole tra heavy e power metal
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Molto interessante, seppur breve, il debut EP dei canadesi Unburnt
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Congiura: quando la fenice rinasce dalle sue ceneri
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dalla Russia un buon prodotto Melodic Death/Black da parte della one man band Doom Rot
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Spiazza in un certo senso il sound dei Reptilium per quanto sia moderno
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Iron Kingdom: Un metal molto classico fuori tempo massimo
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Groove metal potente ed aggressivo quello firmato SxWxP
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla