A+ A A-
 

Un buon debutto che lascia ben sperare per il futuro quello degli americani Oracle Un buon debutto che lascia ben sperare per il futuro quello degli americani Oracle

Un buon debutto che lascia ben sperare per il futuro quello degli americani Oracle

recensioni

gruppo
titolo
Beyond Omega
etichetta
Autoproduzione
Anno

Line Up:
Jason Long – vocals, guitars
Trey Ozinga – guitars
Ray Ozinga - bass
Bg Watson - drums 

Tracklist: 
1. Aeons of Madness [03:33] 
2. There will be Blood [02:55] 
3. Beyond Omega [04:05] 
4. Nocturnal Creatures [03:26] 
5. By the Hands of Aestrea [04:44] 
6. On the Wings of a Martyr [04:33] 
7. Beneath the Crimson Veil [04:20] 
8. Tomb of Serpents [04:17] 
9. The Cleansing [03:32] 
10. Blood Stained Epitaph [06:31] 

Running time: 41:56 

opinioni autore

 
Un buon debutto che lascia ben sperare per il futuro quello degli americani Oracle 2017-08-12 09:50:14 Daniele Ogre
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Daniele Ogre    12 Agosto, 2017
Ultimo aggiornamento: 12 Agosto, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

"Beyond Omega" è l'album di debutto, autoprodotto, degli americani Oracle, Melodic Black/Death band proveniente da Mobile, Alabama. Nelle info che accompagnano il promo, gli Oracle sono descritti come un'amalgama di differenti idee e stili... e la descrizione, devo dire, è accurata. Ascoltando gli Oracle possiamo tranquillamente ritrovarci con riff di scuola Heavy su di un violento tappeto Death/Grind, blast beats tipici della frangia svedese del Black alternarsi a pesanti passaggi che richiamano il Death floridiano, il tutto in un continuo susseguirsi. Il risultato finale, vi dirò, è soddisfacente.

Il merito di "Beyond Omega" (e quindi degli Oracle) è, l'avrete capito, quello d'essere un disco vario; più si va avanti con l'ascolto più s'intuisce di come il songwriting sia particolarmente ispirato, songwriting che segue un concept che, attraverso anche metafore, segue praticamente il corso della vita dall'inizio, passando per tribolazioni e sofferenze, alla fine vista come una liberazione. Un disco vario dicevamo ed infatti si passa senza soluzione di continuità da uno stile all'altro, con un occhio sempre fisso, però, sul Melodic Black/Death che è la base di tutto. Possiamo quindi ritrovarci a passare dalla deatheggiante "Nocturnal Creatures" alla melodicissima "By the Hands of Aestrea", in cui fanno capolino anche passaggi di puro Melodic Death seguiti da fucilate Swedish Black. Tutto questo non fa che mantenere alta l'attenzione dell'ascoltatore, che non rimarrà deluso da nessuna delle tracce qui presenti.

Da appuntare nella casella dei debutti più interessanti pervenutimi, "Beyond Omega" è decisamente un ottimo disco che ci presenta una band che vanta già un certo grado di maturità, che non ha nemmeno paura di inserire qui e lì dei piccoli elementi più moderni (mi viene in mente la parte iniziale di "On the Wings of a Martyr"). Adesso gli Oracle saranno chiamati a ripetersi, ma se le premesse sono queste, possiamo aspettarci belle cose da loro per il futuro.

Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Tanta roba questi Bigfoot!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dopo 30 anni vede la luce il debutto dei Java!
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un disco un po' moscio per la super voce di Robin Beck
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Revolution Saints con un album imperdibile per ogni amante della scena hard rock e aor
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Moritz, un buon melodic hard rock/aor capace di lasciarti soddisfatto
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Every Mother’s Nightmare, meglio lasciar spazio alle nuove leve?
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

demo

Metal dalle forti influenze prog in questo interessante debutto degli Shade of Echoes
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Dead Medusa ed un EP con troppo minutaggio sprecato
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Interessante la proposta di Freddy Spera e del suo solo project Crejuvent
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Secondo EP per i finlandesi Distress of Ruin
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Stilema: folk metal lirico!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Demo per la One Man Band romena Vorus: in formato cassetta!
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla