A+ A A-
 

"THE CONTORTIONIST: IL PROG CON QUALCOSA IN PIU' "THE CONTORTIONIST: IL PROG CON QUALCOSA IN PIU' Hot

"THE CONTORTIONIST: IL PROG CON QUALCOSA IN PIU'

recensioni

titolo
"Intrinsic"
etichetta
Season Of Mist
Anno

Line Up:

 

Robby Baca: chitarra
Jonathan Carpenter: voce, tastiere
Joey Baca: batteria
Cameron Maynard: chitarra
Christopher Tilley: basso

 

Tracklist:

1 Holomovement

2 Feedback Loop

3 Causality

4 Sequential Vision

5 Geocentric Confusion

6 Draming Schematics

7 Anatomy Anomalies

8 Cortical

9 Solipsis

10 Parallel Trance

opinioni autore

 
"THE CONTORTIONIST: IL PROG CON QUALCOSA IN PIU' 2012-11-10 11:04:27 Michele Alluigi
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Michele Alluigi    10 Novembre, 2012
Ultimo aggiornamento: 10 Novembre, 2012
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Se c'è una qualità che rende il metal veramente esaltante è l'essere in grado di emozionare in ogni sua diversa sfaccettatura e questo “ Intrinsic” ne è la prova per quanto riguarda il lato più onirico e cerebrale delle emozioni.
Il sound di questa band statunitense infatti si articola sulle basi del progressive rock che ha per maestri primordiali gli Yes ed i Genesis e si butta poi a capofitto nel metal sul sentiero tracciato dai Dream Theater, ma c è di più: un'ulteriore evoluzione delle sonotità ottenuta conferendo anche una matrice più death metal, grazie all'ausilio del growl nella voce.
Le canzoni infatti alternano sinergicamente la componente più zen e delicata alla potenza delle parti più estreme, rendendo questo lavoro un vero e proprio yin yang metal.
Una produzione ottimale per ognuna delle due componenti, batteria ben disegnata sul piano compositivo, variegata e ricca di passaggi, e ben editata poi in studio, basso e chitarre lavorano su ritmiche diverse per poi unirsi nelle parti melodiche e più aperte, il tutto contornato dalle tastiere in pieno stile anni settanta.
L'efficacia dalle canzoni è resa dalla loro varietà ed uniformità nel loro complesso, questo disco si potrebbe anche ascoltare come un unico brano, tanto è uniforme, l'esplorazione dei meandri più estremi poi conferisce il tocco in più, una band davvero di qualità dalla quale i Dream Theater devono ben guardarsi le spalle.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Phil Campbell: tanti ospiti per un disco nella norma.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Great Master, l'album della maturità
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per gli Immanifest un debutto che sembra essere arrivato con qualche anno di ritardo
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sarà l'ultimo live-album della storia degli Slayer?
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i gallesi The Drowning un album decisamente molto interessante
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Seppur breve, convince l'EP dei californiani Larvae
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i britannici Itheist un debutto (col nuovo nome) senza infamia e senza lode
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debutto per la tastierista dei Cradle of Filth: Martyr di Lindsay Schoolcraft!
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Convince il secondo album dei Prime Creation
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Buon debutto per i campani Jumpscare, ma attenzione al sound proposto
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Power metal melodico di gran fattura per gli spagnoli Arenia
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla