A+ A A-
 

"Evocation II: Pantheon": l'inizio della nuova vita degli Eluveitie "Evocation II: Pantheon": l'inizio della nuova vita degli Eluveitie Hot

"Evocation II: Pantheon": l'inizio della nuova vita degli Eluveitie

recensioni

gruppo
titolo
Evocation II: Pantheon
etichetta
Nuclear Blast
Anno

Line Up:
Chrigel Glanzmann - vocals, whistles, mandola, bagpipes, bodhran
Fabienne Erni - vocals, celtic harp, mandola
Jonas Wolf - guitars
Rafael Salzmann - guitars
Matteo Sisti - whistles, bagpipes, mandola
Nicole Ansperger - fiddle
Michalina Malisz - hurdy gurdy
Kay Brem - bass
Alain Ackermann - drums 

Tracklist:
1. Dvressu [01:23]
2. Epona [03:47]
3. Svcellos II (Sequel) [01:28]
4. Nantosvelta [02:45]
5. Tovtatis [01:05]
6. Lvgvs [04:16]
7. Grannos [03:23]
8. Cernvnnos [02:54]
9. Catvrix [02:44]
10. Artio [05:11]
11. Aventia [03:31]
12. Ogmios [03:13]
13. Esvs [03:48]
14. Antvmnos [03:43]
15. Tarvos II (Sequel) [02:43]
16. Belenos [03:09]
17. Taranis [02:41]
18. Nemeton [01:23] 

Running time: 53:07

opinioni autore

 
"Evocation II: Pantheon": l'inizio della nuova vita degli Eluveitie 2017-08-30 19:36:43 Daniele Ogre
voto 
 
1.0
Opinione inserita da Daniele Ogre    30 Agosto, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ecco, questa è la volta buona che mi tirerò addosso una serie infinita di maledizioni. Adoravo gli Eluveitie, credetemi. Da amante del Folk Metal e del Melodic Death, la loro commistione per me risultava perfetta e album come "Slania" ed "Evocation I: The Arcane Dominion" li ho letteralmente consumati. Ma, ahimè, è già qualche anno che trovo la band svizzera abbia perso mordente, nonostante gli ultimi lavori si possan definire salvati da qualche pezzo indovinato qua e là. Ma, mi sa, qui purtroppo siamo arrivati ad un punto di non ritorno.

Ok, già non era proprio la cosa più semplice del mondo sostituire i defezionari e storici Anna Murphy, Ivo Henzi e Merlin Sutter - fondatori dei Cellar Darling dopo essere andati via dagli Eluveitie, con risultati anche qui scarsi -, ed il "new breed" ci prova, eccome se ci prova. Abbiamo infatti ben cinque new entry in formazione: Matteo Sisti, Alain Ackermann (a sostituire Sutter alla batteria), Jonas Wolf (al posto di Henzi alla chitarra), Fabienne Erni e la giovanissima Michalina Malisz (una voce ed arpa, l'altra ghironda, a sostituire entrambe la Murphy); la Malisz che è passata dal fare video su Youtube in cui coverizzava gli Eluveitie con la ghironda a diventarne membra effettiva: wow, che storia... peccato mi venga in mente la pessima cantante entrata nei The Agonist al posto di Alissa.
Ci provano, appunto... ma ci riescono? Il mio parere - e sia chiaro, è solo il mio parere - è che no, non ci riescono per nulla. "Evocation II: Pantheon" (che segue di otto anni "Evocation I: The Arcane Dominion"... forse c'è speranza per un "Time II" dei Wintersun!) è un album che ho trovato estremamente scialbo, scontato, monotono. Una fiera della commercialità lunga 58 minuti. Cosa si salva? Solo la produzione, ma grazie al ca... volo, stiamo parlando di un album prodotto da Nuclear Blast. Se dovessi fare l'elenco di tutto ciò che invece non va, rischierei di far mattina, per cui mi limiterei a poche cose. Per prima cosa, il Melodic Death è letteralmente scomparso lasciando totalmente spazio alla componente celtico-folk. Chrigel Glanzmann pare che, in questo lavoro, si sia dimenticato come si faccia a cantare, visto che le parti vocali sono sostanzialmente tutte di Fabienne Erni... ed è qui che tocchiamo il punto più basso: passare dalla voce di Anna Murphy a quella simil-Bollywood della Erni è un ulteriore colpo. A chiudere, una serie infinita di strumentali: a centro disco troviamo ad esempio "Grannos", cui segue immediatamente dopo "Cernvnnos", poi "Catvrix" che è praticamente un intermezzo, per completare il tutto con la noia infinita di "Artio". Poi non so se mi son perso io qualcosa, potrebbe anche essere, ma "Ogmios" è una versione alternativa di "Inis Mona" o semplicemente hanno talmente nulla altro da dire che plagiano loro stessi?

L'uscita dei due singoli, "Epona" e "Lvgvs", mi avevano lasciato letteralmente interdetto - sì, in primis per la voce della Erni, ma non solo -. Subito è subentrata la paura di avere un disco non all'altezza di quello che il nome maggiore della scena Folk Metal mondiale; paura confermata dall'ascolto di questo "Evocation II: Pantheon". Noioso, prolisso, con la componente Melodic Death lasciata evidentemente sulle Alpi e con momenti più da festa di paese che da band enorme quali sono gli Eluveitie. In due parole: un album brutto. E nemmanco poco. Ora, se siete die hard fans degli Eluveitie, probabilmente farete vostro anche questo disco, lo amerete incondizionatamente e mi manderete degli accidenti per questa mia recensione. Ma ora come ora, di voi non me ne può importare di meno: da fan di vecchia data di questa band, dire che sono estremamente deluso da questo disco è quasi un mero eufemismo. E a questo punto la domanda viene: ma gli Eluveitie, hanno più qualcosa da dire?

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

L'esordio degli Alcotopia lascia solo intravedere buone potenzialità
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un esordio con i controfiocchi per i Reternity
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nusquama - Horizon ontheemt
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ruler, una vera e propria bomba heavy metal!!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Half Life, un gruppo da tenere d'occhio
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dalle ceneri dei Darksun, ecco i Reveal
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Imago Imperii, una promettente band italiana
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Metal molto tecnico e complesso in questo secondo album degli americani The Odious
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Esordio dei Voldt: appassionati di tecnica fatevi avanti!!!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nuovi esponenti del metal cantato in italiano: debutto per gli Arioma!
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Opeth ed Agalloch (e non solo) s'incontrano nel grandioso operato degli Atlas Entity
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dispnea, black depressivo da Napoli, un grande inizio!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla