A+ A A-
 

Debuttano bene gli americani Wolvenguard Debuttano bene gli americani Wolvenguard Hot

Debuttano bene gli americani Wolvenguard

recensioni

titolo
Elemental Reclamation
etichetta
Autoproduzione
Anno

Line Up: 
Jake Wayman - vocals 
Will Rohan - guitars 
Justin Buller - guitars 
Ethan Wissman - bass, vocals 
Sterling Junkin - drums 

Tracklist: 
1. Elemental Reclamation [04:12] 
2. Formless Aeons [04:26] 
3. Vangrimst [04:30] 

Running time: 13.08 

opinioni autore

 
Debuttano bene gli americani Wolvenguard 2017-08-31 13:11:40 Daniele Ogre
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Daniele Ogre    31 Agosto, 2017
Ultimo aggiornamento: 31 Agosto, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Nati nell'assolato Texas ma portatori di un sound glaciale, i Wolvenguard arrivano con questo EP da tre pezzi, a nome "Elemental Reclamation", al debutto discografico. Il genere suonato dai nostri è un Extreme Metal a tutto tondo, la cui base è composta però, maggiormente, da un Death/Black figlio degli insegnamenti della scuola scandinava, pur non mancando altri elementi, come ad esempio un solo dal flavour Heavy nella traccia d'apertura, "Elemental Reclamation". Echi di Dark Funeral sono invece riscontrabili nella seguente "Formless Aeons" - a qualcuno potrebbe venire in mente la song "In my Dreams" -, in cui sono presenti anche parti con voce pulita, opera credo del bassista Ethan Wissman. Con un risultato in questo caso mediocre, devo dire. Restando in influenze Swedish, sono i Dissection a far capolino invece nella finale "Vangrimst", buon pezzo di Melodic Black/Death, musicalmente parlando, ma che di nuovo ha nelle clean vocals il punto debole.

E qui finisce l'EP di debutto dei Wolvenguard. La band americana si presenta con un buon biglietto da visita, ma con un sound che risente ancora troppo delle influenze e che risulta essere, alla fine, un po' derivativo. "Elemental Reclamation" è un punto di partenza da cui il quintetto texano può cominciare a trovare la propria strada. Da riascoltare con un nuovo lavoro tra qualche tempo.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

I Khemmis si confermano tra i protagonisti del doom contemporaneo.
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli svedesi Craft come sempre fedeli alle proprie sonorità
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Gaerea confermano in toto quanto di buono sentito nell'EP di un paio d'anni fa
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Kalmah: Tutto secondo copione ma a noi va benissimo così
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Con "Exiler" i Construct of Lethe realizzano un lavoro monolitico
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il symphonic/melodic metal inspirato di casa Somerville
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Dissonante, straniante ed "esotica" la proposta dei Dischordia
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Immortal Sÿnn hanno bisogno di scegliere una strada da percorrere
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rites Of Sedition, mai giudicare un libro dalla copertina..
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un lavoro strumentale fin troppo prolisso per Carmelo Caltagirone
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ep che si concentra soprattutto su alcune cover per Parrys Hyde
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla