A+ A A-
 

SATOR - ORDEAL. ITALIAN DOOM SATOR - ORDEAL. ITALIAN DOOM Hot

SATOR - ORDEAL. ITALIAN DOOM

recensioni

gruppo
titolo
Ordeal
etichetta
Argonauta Records
Anno

LINE UP:
Valy - vocals, bass 
Mauro - guitars 
Drugo - drums 

TRACKLIST:
1. Heartache
2. Ordeal
3. Soulride
4. Sky Burial
5. Funeral Pyres

opinioni autore

 
SATOR - ORDEAL. ITALIAN DOOM 2017-09-23 16:53:32 MASSIMO GIANGREGORIO
voto 
 
4.0
Opinione inserita da MASSIMO GIANGREGORIO    23 Settembre, 2017
Ultimo aggiornamento: 23 Settembre, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ascoltare i Sator, doomsters nostrani che hanno mutuato il nome della band dal famoso quadrato magico, è come andare ad infilarsi in una catacomba. Ti assale immediatamente una sensazione angosciante di soffocamento, che ti porta fino a sfiorare la catalessi, per quanto risulta estremo e paralizzante l’intero lavoro! Ed è esattamente quello che, a mio modesto parere, un genere come il doom metal deve rievocare nell’ascoltatore.
I Sator sono un combo di assoluto livello, assimilabili a dei Celtic Frost ancor più funerei e pestiferi. Il loro sound è di enorme impatto, con venature psichedeliche tipicamente 70's, al limite del corrosivo (come in parte rievoca il loro look) e sono dotati di una tecnica non eccelsa ma comunque efficace. "Ordeal" vi investirà subito con il suo suono granitico in grado di far ritenere l’intero cd come un unico, stramaledetto blocco di cinque macigni doom piombato sulle vostre povere teste! Il trio genovese passa con disinvoltura dalle atmosfere ipnotiche della title track alle frustate di “Soulride” fino alla mazzata finale dedicata alla pira funeraria sotto la quale vi risveglierete con l’inquietante sensazione di essere sopravvissuti ad una sessione di tortura sonora.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Atmosfere horror ed un sound tra Black e Crust: debuttano gli Heads for the Dead
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Mancanza di Ronnie James Dio? Arrivano i Dream Child
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Snakes In Paradise, un ritorno niente male!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Barros, classic hard rock dal Portogallo!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Un tocco di personalità in più non guasterebbe per gli Ominous Eclipse
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ash of Ashes, un debutto con richiami ai Bathory
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un buon debutto quello degli abruzzesi In My Ashes
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Minervium, un'altra incredibile realtà black metal per la nuova scena nazionale!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dying Leaf, il debutto "tra epico e profano"!
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Singolo pre-EP per la one man band russa Insidious One
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla