A+ A A-
 

Ennesimo grandioso album per i portoghesi Process of Guilt Ennesimo grandioso album per i portoghesi Process of Guilt Hot

Ennesimo grandioso album per i portoghesi Process of Guilt

recensioni

titolo
Black Earth
etichetta
Bleak Recodings
Anno

Line Up: 
Hugo Santos - vocals, guitars 
Nuno David - guitars 
Custodio Rato - bass 
Gonçalo Correia - drums 

Tracklist: 
1. (No) Shelter [08:29] 
2. Feral Ground [07:14] 
3. Servant [07:20] 
4. Black Earth [11:54] 
5. Hoax [07:46] 

Running time: 42:42 

opinioni autore

 
Ennesimo grandioso album per i portoghesi Process of Guilt 2017-10-04 20:51:52 Daniele Ogre
voto 
 
4.5
Opinione inserita da Daniele Ogre    04 Ottobre, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Al quindicesimo anno di carriera e dopo diversi lavori che hanno raccolto i favori di critica e pubblico, i portoghesi Process of Guilt tornano con "Black Earth", quarta fatica su lunga distanza per la band lusitana fautrice di un interessantissimo Doom/Sludge, che spesso muta in un pesantissimo Death/Doom. Il processo di scrittura di "Black Earth" è stato abbastanza lungo - due anni - e questo fa sì che quest'album sia probabilmente il più completo e maturo dei nostri, anche più di "Erosion", uscito nel 2009 e che per me è un album monumentale.

Cinque tracce per un totale di oltre 40 minuti di musica, lenta nel proprio incedere ma che proprio per questo motivo risulta essere pesante come poche cose mi sia capitato di ascoltare ultimamente. I Process of Guilt sono come un carrarmato: non hanno bisogno di velocità elevate per schiacciare qualsiasi cosa gli si pari incontro. Il sound è claustrofobico come il genere richiede, ma il quartetto riesce a non rimanere statico, anzi i vari cambi di tempo presenti danno una certa varietà al loro operato, rendendo "Black Earth" un disco estremamente dinamico; e va da sé che i PoG non si fanno mancare momenti puramente Sludge, in cui sonorità decisamente ricercate danno quel tocco psichedelico. La durata dei pezzi è ovviamente lunga, ma mai una sola volta si corre il rischio di annoiarsi, vi basti pensare che l'highlight dell'album è proprio la title-track, che con i suoi quasi 12 minuti è anche la traccia più lunga. Gli altri quattro pezzi presenti, però, non sono da meno, con la doppietta iniziale composta da "(No) Shelter" e "Feral Ground" che lascia letteralmente storditi.

Nell'ambito della scena Sludge i Process of Guilt possono e devono essere considerati dei giganti, grazie ad un'esperienza maturata negli anni che li ha portati a rilasciare quattro album uno meglio dell'altro; "Black Earth" è, al momento, il picco più elevato toccato dalla band portoghese: un disco da annoverare, probabilmente, tra i migliori del genere. E scusate se è poco!

Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

I giovani Atlas con un melodic rock ancora acerbo
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Allfather tra Sludge/Doom e ferocia Hardcore
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I russi Adfail ed un EP ai confini della noia
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un nuovo, bellicoso lavoro per i 28 anni di Marduk
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Arrivano finalmente al debutto i deathsters ucraini Mutanter
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Treat: i maestri del melodic hard rock scandinavo sono tornati!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Singolo pre-EP per la one man band russa Insidious One
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hitwood: a distanza di un anno il progetto italiano torna a bomba
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dark Weaver - groovin' metal!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rithiya Henry Khiev, tecnica ed originalità, ma non solo
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Come suggerisce il titolo, i Maxxwell si sono metalizzati!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Vetrarnott, un esordio assolutamente convincente!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla