A+ A A-
 

Nihil Eyes, una band per i die hard fans dello UK Death Metal Nihil Eyes, una band per i die hard fans dello UK Death Metal Hot

Nihil Eyes, una band per i die hard fans dello UK Death Metal

recensioni

titolo
Black Path
etichetta
Autoproduzione
Anno

Line Up: 
Casey Jones - vocals, guitars 
Max Morgan - bass 
Szymon Ogiello - drums 

Tracklist: 
1. Nihil Eyes [05:06] 
2. Burn the Leech [02:12] 
3. Lord of Flies [04:56] 
4. As the Water Falls [06:48] 
5. Border Line [05:35] 
6. True Nihilist [03:15] 
7. Treachery and Id [04:48] 
8. Manifesto [06:16] 

Running time: 38:56 

opinioni autore

 
Nihil Eyes, una band per i die hard fans dello UK Death Metal 2017-10-12 17:49:32 Daniele Ogre
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Daniele Ogre    12 Ottobre, 2017
Ultimo aggiornamento: 12 Ottobre, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Album di debutto per i Nihil Eyes, band inglese fondata dal cantante/chitarrista Casey Jones e dal batterista Szymon Ogiello, cui si unirà nel 2017 il bassista Max Morgan, il cui sound è totalmente devoto al Death Metal di scuola britannica: Bolt Thrower, Carcass, primi Paradise Lost, senza che vengano dimenticati passaggi Grind à là Napalm Death.

I Nihili Eyes saranno anche devoti allievi dei grandi gruppi della scena Death britannica, ma fortunatamente quello che possiamo ascoltare in "Black Path" non è affatto una copia carbone; il powertrio di Bradford semplicemente non disillude le attese di quanto ci si può aspettare, mettendoci però molto in quanto a personalità, facendolo senza alcun timore reverenziale. Già dall'autoreferenziale opening track possiamo capire che abbiamo davanti un lavoro particolarmente interessante, in cui il marziale British Death si unisce perfettamente a sfuriate dal sapore Grind e in cui, pur non mancando proprio del tutto, c'è poco spazio per la melodia. Diversi stili si possono ascoltare durante "Black Path", così si passa dalla rocciosa "Lord of Flies" alla più doomeggiante "As the Water Falls" - praticamente un vero e proprio omaggio ai Paradise Lost -, fino alla rapida scarica di violenza in stile Napalm Death di "True Nihilist", che guarda caso è anche il pezzo che maggiormente ho apprezzato di quest'album al pari della seguente "Treachery and Id" (ho letteralmente amato i primi 30" di questa canzone).

"Black Path" è un album che mantiene le proprie promesse, omaggiando la scena estrema britannica senza scopiazzarla e che riesce ad avere anche una certa varietà. Un lavoro come detto interessante, che risulterà esserlo maggiormente per i fans dello UK Death e che sono alla ricerca di nuove bands per quanto riguarda questo inconfondibile stile.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Elbow Deep, Mentors ed il politicamente scorretto
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Aornos, una botta di cattiveria violenta ed assassina!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
In Tenebriz, roba che merita un ascolto!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un buon debutto per gli svedesi Candle
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Il debut del progetto On My Command non ha una produzione all'altezza
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il buon debut album dei Neophobia
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Expiatoria non convincono
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ma di preciso, cos'è che vogliono proporre gli americani Homerik?
Valutazione Autore
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
:Inferno 9:, un debutto "black metal" italiano impressionante!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i Gates of Doom un EP che affronta la nascita romana delle loro terre
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla