A+ A A-
 

per i fans del death-core, un'altra uscita nostrana! per i fans del death-core, un'altra uscita nostrana! Hot

per i fans del death-core, un'altra uscita nostrana!

recensioni

titolo
This Equipment Must Be Hearted
etichetta
SG Records
Anno

1. This Equipment Must Be Hearted 1:43     
2. My Sacrifice 4:58     
3. Hold Your Horizon 5:03     
4. Between The Lines 5:50     
5. A Place For My Memory 3:08     
6. Resolution 5:45     
7. Strain Of The Mourning 5:02    
8. Speaking To The Deaf 4:41     
9. The Silence Now Broken 6:06

opinioni autore

 
per i fans del death-core, un'altra uscita nostrana! 2012-11-22 10:16:22 Roberto Orano
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Roberto Orano    22 Novembre, 2012
Ultimo aggiornamento: 22 Novembre, 2012
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Debuttano su SG Records i nostrani metalcorers Speaking To The Deaf con questo "This Equipment Must Be Hearted" che, ahimè, convince solo in parte. Stiamo parlando di un genere ormai abusato, in cui resta non più molto da dire, ma la band riesce comunque a destreggiarsi tra buone soluzioni e riff prepotenti ispirati dal melodic death; quel melodic death che si percepisce anche in certi frangenti nella sua forma primordiale da primissimi Dark Tranquillity e In Flames. Come detto, buono il lavoro delle chitarre, che seppur non sempre ispiratissime, sfornano un songwriting piacevole, buone melodie, parti più pesanti dedite all'hardcore e pure assoli, supportate da un'ottima sessione ritmica. Resta però qualche dubbio sulle clean vocals, un pò fuori dallo scenario proposto, o che, per lo meno, non si riescono ad adattare al meglio al riffing.
In più, se non siete amanti di produzioni un po' più "casalinghe", forse potreste storcere un po' il naso ascoltando questo platter; per noi non è certo un problema.
Tra le varie tracks possiamo pescare il piacevolissimo intro "This Equipment...", una bella traccia di tastiera che ci introduce alla più death "My Sacrifice", e di seguito la potentissima "Hold Your Horizon" dalle buone linee vocali, proseguendo, "Speaking to the Deaf" sembra proprio la più azzeccata nella seconda parte dell'album.
Ci aspettiamo qualcosina di più per il prossimo lavoro della band, le qualità ci sono, bisogna smussare qualche angolo e lavorare maggiormente in termini di songwriting.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Kalmah: Tutto secondo copione ma a noi va benissimo così
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Con "Exiler" i Construct of Lethe realizzano un lavoro monolitico
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il symphonic/melodic metal inspirato di casa Sommerville
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Elvellon, cresciuti a pane e Nightwish
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per gli austriaci Richthammer un disco senza infamia e senza lode
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
"Stardust", un malinconico urlo disperato dai belgi Soul Dissolution
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Dissonante, straniante ed "esotica" la proposta dei Dischordia
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Immortal Sÿnn hanno bisogno di scegliere una strada da percorrere
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rites Of Sedition, mai giudicare un libro dalla copertina..
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un lavoro strumentale fin troppo prolisso per Carmelo Caltagirone
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ep che si concentra soprattutto su alcune cover per Parrys Hyde
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla