A+ A A-
 

Tra Progressive Deathcore e Mathcore la proposta degli americani Dark Waters End Tra Progressive Deathcore e Mathcore la proposta degli americani Dark Waters End Hot

Tra Progressive Deathcore e Mathcore la proposta degli americani Dark Waters End

recensioni

titolo
Submersion
etichetta
Autoproduzione
Anno

Line Up:
John William - vocals
Elijah Masiko - guitars
Ian Wright - guitars
Chris Williams - bass
Ian McGarry - drums 

Tracklist: 
1. Immortal Consciousness [07:10] 
2. Empty Skies [05:13] 
3. Mass Grave [01:55] 
4. Congenital Vice [04:57] 
5. Unquenchable [03:34] 
6. The Great Dirge [02:17] 
7. Rat King [06:33] 
8. Hell can't be Worse [02:56] 
9. Velocirapture [05:08] 
10. Bucket of Flesh [02:39] 
11. Up the Dose [04:39] 

Running time: 47:01 

opinioni autore

 
Tra Progressive Deathcore e Mathcore la proposta degli americani Dark Waters End 2017-10-15 18:41:35 Daniele Ogre
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Daniele Ogre    15 Ottobre, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Primo album per gli americani Dark Waters End, band proveniente da Philadelphia dedita ad un ipertecnico ed interessantissimo Technical/Progressive Deathcore - questo il loro genere, più che il Progressive Death con cui vengono presentati -. Dopo l'EP "Rat King" del 2016, il debutto su lunga distanza avviene giusto un annetto dopo con questo "Submersion", album in cui convergono tutte le influenze dell'act di Philly: The Faceless, Converge, Between Buried and Me... tecnicismo e modernità insomma si fondono nel sound del quintetto statunitense.

I fortissimi richiami -core potrebbero in un certo qual modo far storcere il naso ai più puristi, ma è altrettanto vero che alle migliaia di fans di tali sonorità moderne tutto questo potrebbe risultare interessante. Perché, alla fine, interessante è la proposta dei DWE: basta semplicemente levarsi i paraocchi per lasciarsi colpire in primis dalle innate doti tecniche dei nostri, che trovano valvole di sfogo soprattutto in pezzi come l'incredibile "Empty Skies". Non mancano richiami alle dissonanze del Mathcore à là The Dillinger Escape Plan, vedasi ad esempio "Mass Grave" e soprattutto "The Great Dirge", ma per la maggiore il sound dei DWE vive su di un groove che fa da perfetto tappeto per le aperture tecniche del comparto strumentale: tanto le due asce che la sezione ritmica appaiono in ottima forma, fornendo una prestazione altamente sopra le righe. Supportato poi da una produzione potente e perfettamente bilanciata, "Submersion" ha il pregio di essere un album che non subisce alcun calo durante i suoi quasi 50 minuti di durata, mostrandoci una band a proprio agio sia su pezzi più lunghi come l'opener "Immortal Consciousness", sia quando si tratta di concentrare le loro forze in meno di tre minuti - questi ultimi i momenti in cui escono fuori le influenze Mathcore -.

Come detto già all'inizio di questa recensione, la proposta dei DWE è estremamente interessante; certo, magari "Submersion" non è un album che potrà piacere proprio a tutti, ma se siete amanti tanto del tecnicismo ad ogni costo quanto della frangia più moderna del Death Metal, allora questo disco potrebbe essere facilmente una chicca da aggiungere alla vostra collezione.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Elvellon, cresciuti a pane e Nightwish
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per gli austriaci Richthammer un disco senza infamia e senza lode
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
"Stardust", un malinconico urlo disperato dai belgi Soul Dissolution
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Refuge, la solita minestra ma che è sempre buona anche in Estate
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bel debutto per le Charlotte in Cage con il loro “riot metal”.
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I pionieri del death/thrash Agressor tornano con una ristampa della loro pietra miliare
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Dissonante, straniante ed "esotica" la proposta dei Dischordia
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Immortal Sÿnn hanno bisogno di scegliere una strada da percorrere
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rites Of Sedition, mai giudicare un libro dalla copertina..
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un lavoro strumentale fin troppo prolisso per Carmelo Caltagirone
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ep che si concentra soprattutto su alcune cover per Parrys Hyde
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla