A+ A A-
 

Debbie Ray: swedish hard rock with style Debbie Ray: swedish hard rock with style Hot

Debbie Ray: swedish hard rock with style

recensioni

titolo
Slave To The System
etichetta
Metalapolis
Anno

Line-Up:

Reine Heyer – vocals, guitar

Andreas Heleander – guitar

H-Can - drums

 

 

Tracklist: 1. American Nightmare, 2. Slave To The System, 3. All We Need Is Rock N’Roll, 4. Too Late To Pray, 5. Made To Cry, 6. Way Out Of Wasteland, 7. Sorry!, 8. Beautiful Monday, 9. Promises, 10. Find Myself, 11. Gotta Get It Right, 12. Living Without You

opinioni autore

 
Debbie Ray: swedish hard rock with style 2017-10-16 20:36:21 Federico Orano
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Federico Orano    16 Ottobre, 2017
Ultimo aggiornamento: 18 Ottobre, 2017
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

“Swedish hard rock with style”, così viene definito questo lavoro targato Debbie Ray, band svedese che, dopo diversi problemi di line-up, arriva ora al terzo disco in carriera.

Tanto rock and roll che sconfina fino all'heavy metal, traendo ispirazione da Mötley Crüe, Skid Row e, perchè no?, i nostri Hell in the Club, per una dozzina di brani molto energici con un tocco moderno. La potente title track lascia spazio a momenti più catchy, come “All We Need Is Rock N’Roll” e “Beautiful Monday”, ma il disco si lascia ascoltare che è un piacere, nonostante la band non goda di grande personalità. Pezzi come “Made To Cry” e “Way Out Of Wasteland” fanno del disco in questione un buon prodottino, anche se forse 10 brani potevano bastare (escludendo un paio di songs meno riuscite).

Nella marea di uscite hard rock che invadono il mercato discografico, “Slave To The System” non prende di certo tutti i riflettori, visto che c'è sicuramente di meglio. Ma questo disco non è affatto male e chi ha bisogno di una bella scarica di adrenalina può contare sui Debbie Ray!

Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

I Khemmis si confermano tra i protagonisti del doom contemporaneo.
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli svedesi Craft come sempre fedeli alle proprie sonorità
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Gaerea confermano in toto quanto di buono sentito nell'EP di un paio d'anni fa
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Kalmah: Tutto secondo copione ma a noi va benissimo così
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Con "Exiler" i Construct of Lethe realizzano un lavoro monolitico
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il symphonic/melodic metal inspirato di casa Somerville
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Dissonante, straniante ed "esotica" la proposta dei Dischordia
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Immortal Sÿnn hanno bisogno di scegliere una strada da percorrere
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rites Of Sedition, mai giudicare un libro dalla copertina..
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un lavoro strumentale fin troppo prolisso per Carmelo Caltagirone
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ep che si concentra soprattutto su alcune cover per Parrys Hyde
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla