A+ A A-
 

Moritz, un buon melodic hard rock/aor capace di lasciarti soddisfatto Moritz, un buon melodic hard rock/aor capace di lasciarti soddisfatto

Moritz, un buon melodic hard rock/aor capace di lasciarti soddisfatto

recensioni

gruppo
titolo
About Time Too
etichetta
Shadows of a Dream / Cargo Records
Anno

Band:

Peter Scallan – Lead/backing vocals (Chris Glen and the Outfit, Samson, If Only)

Mike Nolan – Electric and acoustic guitars, vocals

Kenny Evans – Electric and acoustic 6 and 12 string guitars, vocals

Ian Edwards – Bass, synthesizers, Hammond organ, vocals (If Only)

John Tonks – Drums

 

Track listing:

1. About Time Too (Intro)

2. One More Beautiful Day

3. To The Moon and Back

4. Chance Of A Lifetime

5. Dreamland

6. Forever Is

7. Take It On The Chin

8. Run

9. Love Long Gone

10. Own Little World

11. You Don’t Know What Love Is

12. There’s Something About (Intro)

13. Unwanted Man

opinioni autore

 
Moritz, un buon melodic hard rock/aor capace di lasciarti soddisfatto 2017-10-17 01:01:00 Federico Orano
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Federico Orano    17 Ottobre, 2017
Ultimo aggiornamento: 18 Ottobre, 2017
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Nonostante il nome Moritz mi suoni nuovo, in realtà la band esiste dal 1986 e in quegli anni il gruppo inglese suonava un aor capace di attirare un certo seguito. Ora è tempo di tornare sulle scene con “About time too” un disco composto da 11 nuovi brani (più due intro) di notevole fattura.

Il primo punto a favore della band è la voce calda ed espressiva di Peter Scallan, che innesca subito le marce alte con l'opener “One More Beautiful Day”. L'altro pregio dei Moritz è un songwriting vario e fresco, con brani caldi e non scontati. Si potrebbe citare la buona “Chance Of A Lifetime”, l'elegante “Dreamland”, molto 70's o l'intensa ballatona dalle tinte blues “You Don’t Know What Love Is”. Peccato non siano presenti delle hits micidiali, altrimenti il voto poteva essere più alto, ma ci possiamo accontentare!

“About Time Too” non scalerà le classifiche di vendita, né probabilmente verrà inserito tra le migliori uscite dell'anno. Ma questo è un disco ben composto e suonato, un buon melodic hard rock/aor capace di lasciarti soddisfatto.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Elvellon, cresciuti a pane e Nightwish
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per gli austriaci Richthammer un disco senza infamia e senza lode
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
"Stardust", un malinconico urlo disperato dai belgi Soul Dissolution
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Refuge, la solita minestra ma che è sempre buona anche in Estate
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bel debutto per le Charlotte in Cage con il loro “riot metal”.
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I pionieri del death/thrash Agressor tornano con una ristampa della loro pietra miliare
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Dissonante, straniante ed "esotica" la proposta dei Dischordia
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Immortal Sÿnn hanno bisogno di scegliere una strada da percorrere
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rites Of Sedition, mai giudicare un libro dalla copertina..
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un lavoro strumentale fin troppo prolisso per Carmelo Caltagirone
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ep che si concentra soprattutto su alcune cover per Parrys Hyde
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla