A+ A A-
 

Buon ritorno per i Tiamat Buon ritorno per i Tiamat Hot

Buon ritorno per i Tiamat

recensioni

gruppo
titolo
The Scarred People
etichetta
Napalm Records
Anno

01. The Scarred People
02. Winter Dawn
03. 384 - Kteis
04. Radiant Star
05. The Sun Also Rises
06. Before Another Wilbury Dies
07. Love Terrorists
08. Messinian Letter
09. Thunder & Lightning
10. Tiznit
11. Born To Die [bonus]
12. The Red Of The Morning Sun

opinioni autore

 
Buon ritorno per i Tiamat 2012-11-24 10:20:50 Roberto Orano
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Roberto Orano    24 Novembre, 2012
Ultimo aggiornamento: 25 Novembre, 2012
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Tiamat, una band che mi ha sempre molto incuriosito, a dire il vero non so bene il perchè di questo fascino, probabilmente perchè lo storico combo svedese sin dagli anni '90 ha scelto la strada della sperimentazione, senza mai fermarsi e senza mai ripetersi.
I Nostri tornano alle stampe in questo 2012 con il nuovo "The Scarred People", un album che ripercorre quanto già visto con gli ultimi lavori, infarcito da tante influenze che spaziano dal rock oscuro, al dark metal, fino al gothic. Abbiamo dunque tracce mai troppo lunghe, attorno ai quattro minuti solitamente, condite da bellissime melodie sognanti e/o malinconiche con il solito cantato un po' cupo del frontman in prima linea a far risaltare la qualità del riffing e delle linee chitarristiche che sono al massimo livello qui, con arrangiamenti pregevoli, su ritmi che non s'impennano quasi mai, se non per qualche refrain emozionante. Nella tracklist sicuramente è in risalto la stupenda "Winterdawn", con un ritornello tutto da cantare, ma la band dimostra (e non avevamo dubbi a riguardo) di sapersi destreggiare anche in una strumentale sognante come "Tiznit" ed, infine, nella ballad conclusiva "The Red Of The Morning Sun", una marcia lenta ed espressiva che ci porta alla conclusione del disco con tante emozioni.
In breve, una band da rispettare e da ascoltare obbligatoriamente, che ormai si conferma da anni e che non si è certo smentita con quest'ultimo disco!

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Phil Campbell: tanti ospiti per un disco nella norma.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Great Master, l'album della maturità
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per gli Immanifest un debutto che sembra essere arrivato con qualche anno di ritardo
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sarà l'ultimo live-album della storia degli Slayer?
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i gallesi The Drowning un album decisamente molto interessante
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Seppur breve, convince l'EP dei californiani Larvae
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i britannici Itheist un debutto (col nuovo nome) senza infamia e senza lode
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debutto per la tastierista dei Cradle of Filth: Martyr di Lindsay Schoolcraft!
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Convince il secondo album dei Prime Creation
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Buon debutto per i campani Jumpscare, ma attenzione al sound proposto
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Power metal melodico di gran fattura per gli spagnoli Arenia
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla