A+ A A-
 

I Bulletback sono l'ennesima prova della miopia del music business! I Bulletback sono l'ennesima prova della miopia del music business!

I Bulletback sono l'ennesima prova della miopia del music business!

recensioni

titolo
"The quest for new horizons"
etichetta
Autoproduzione
Anno

 

TRACKLIST:

1 - Down and out

2 - The quest for new horizons

3 - Battlefield

4 - Holy words

5 - Scream it out

6 - Faking

7 - Rust

8 - Running away

9 - Fire in the hole

10 - Where are the angels

11 - Here I stand

 

 

LINE-UP:

Raphael Gazal – Vocals and Guitars

Aléxis Gallucci – Bass

Fabio Buitvidas – Drums

opinioni autore

 
I Bulletback sono l'ennesima prova della miopia del music business! 2017-10-24 20:26:43 Ninni Cangiano
voto 
 
4.5
Opinione inserita da Ninni Cangiano    24 Ottobre, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I Bulletback arrivano dal Brasile e si sono formati nel 2013 dall’unione di tre ex-membri dei Pastore. A giugno del 2017 la band è riuscita ad autoprodursi il proprio debut album, intitolato "The quest for new horizons". Il disco è composto da 11 canzoni, per un heavy metal bello tosto e moderno con qualche tocco di thrash, che richiama alla mente sia gli americani Iced Earth, ma anche e soprattutto il sound più recente dei nostri connazionali Arthemis, vuoi anche per la somiglianza dello stile del singer Raphael Gazal con quello del grande Fabio Dessi. Quasi ¾ d’ora di puro heavy metal, che scorre via molto, ma molto gradevolmente, senza particolari attimi di calo, né alcun genere di filler. Ma quello che colpisce nella musica dei Bulletback è la freschezza e la pulizia del sound, decisamente al passo con i tempi, ma sempre con un occhio attento alla tradizione. Le melodie ricamate dalla chitarra (Gazal, oltre a cantare molto bene, è anche un axeman di tutto rispetto!) sono sempre di gran gusto, sostenute alla grandissima dal basso pulsante di Aléxis Gallucci. Il ritmo è bello sostenuto e frizzante, anche se avrei preferito maggiore protagonismo da parte del batterista Fabio Buitvidas, che comunque svolge il suo lavoro senza alcun difetto. Una dopo l’altra, possiamo ascoltare vere e proprie hits, sin dall’opener “Down and out” (molto Arthemis), passando per la veloce title-track, “Battlefield”, “Holy words”, “Running away”, “Fire in the hole”... insomma, mi sembra abbastanza chiaro, che in questo lavoro tutti i pezzi funzionano alla grande! E questa è un’altra delle caratteristiche dei Bulletback, la capacità di realizzare brani efficaci, privi di orpelli inutili, ma che filano tremendamente bene e sono ricchi di energia. Mi sorprende che una band di simile livello sia dovuta ricorrere all’autoproduzione, perchè questo debut album “The quest for new horizons” è davvero un gran disco! Metalheads tenete d’occhio questi Bulletback, perchè hanno tutte le potenzialità per diventare una band di primissimo piano.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

I Cynic ci regalano purtroppo solo un singolo
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il malinconico debut album della one man band Somnent
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I nuovi shredders: disco di esordio per Dustin Behm!
Valutazione Autore
 
1.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sarà il disco della consacrazione per i Deathless Legacy?
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Atmosfere gotiche, nordiche, fantasy per gli Unshine
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un heavy suonato bene per i Random Eyes
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

I Blaspherion dovranno fare più di così per emergere dalla massa
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un groove metal dritto come un pugno tra i denti! South Of No North - Stubborn
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il virtuosismo non è tutto! Progetto strumentale per Luca Negro
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una produzione a dir poco pessima porta alla stroncatura del debut album degli Svarthart
Valutazione Autore
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
In Grind We Trust, One day In Fukushima non la mandano a dire!
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
CHIEN BIZARRE: Alternative Indie Rock Italiano Di Assoluto Spessore!!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla