A+ A A-
 

Un album di mestiere, il sedicesimo degli Annihilator Un album di mestiere, il sedicesimo degli Annihilator

Un album di mestiere, il sedicesimo degli Annihilator

recensioni

titolo
"For the demented"
etichetta
Silver Lining Music
Anno

 

TRACKLIST:

1. Twisted lobotomy

2. One to kill

3. For the demented

4. Pieces of you

5. The demon you know

6. Phantom asylum

7. Altering the alter

8. The way

9. Dark

10. Not all there

 

 

LINE-UP:

Jeff Waters (vox, guitar)

Fabio Alessandrini (drums)

Rich Hinks (bass)

Aaron Homma (guitar)

opinioni autore

 
Un album di mestiere, il sedicesimo degli Annihilator 2017-11-12 18:52:16 Ninni Cangiano
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Ninni Cangiano    12 Novembre, 2017
Ultimo aggiornamento: 23 Dicembre, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Era il periodo della mia adolescenza, quando a fine anni ’80 uscì quel meraviglioso disco intitolato “Alice in hell”; rimasi folgorato da quelle canzoni, nonostante in quel momento della mia vita, complice la rabbia tipica dell’età, cominciavo ad indirizzare i miei ascolti verso lidi più estremi. Ciò nonostante, le parti di chitarra del maestro Jeff Waters mi colpirono, facendomi affezionare in maniera molto forte ai suoi Annihilator. Da allora sono passati tanti anni e tanta acqua sotto i ponti, tra alti e bassi gli Annihilator tagliano il traguardo del sedicesimo full-lenght intitolato “For the demented”. Annotata l’ennesima rivoluzione della line-up attorno al leader Waters (caratteristica costante negli anni), c’è da dire che “For the demented” è un disco di mestiere che si richiama fortemente al sound che ha reso celebre la band canadese, con pezzi belli ritmati (ottimo il nostro connazionale Fabio Alessandrini alla batteria!), chitarre affilate come rasoi ed assoli di gran gusto come consuetudine. Canzoni come la splendida “Altering the alter” o l’opener “Twister lobotomy”, ma anche “One to kill” o la ballatona romantica “Pieces of you” di certo non sfigurerebbero nei capolavori della carriera degli Annihilator, con particolare riferimento ai lavori di fine anni ‘80/primi ‘90. C’è qualche tentazione più “leggera”, come la rockettara “The way” che è alquanto avulsa dal contesto, ma si tratta di un episodio che possiamo perdonare a Jeff Waters e che alla fine dei conti serve per alleggerire e rendere più scanzonata l’atmosfera generale del disco. Tirando le somme, gli Annihilator con questo “For the demented” realizzano un buon album, in grado di competere, in alcune sue parti, con le opere migliori della storia di questa band; non siamo al livello del predetto “Alice in hell”, ma nemmeno lontanissimi....

P.S. Con il passare degli ascolti, devo onestamente sottolineare che la definizione di "Disco di mestiere" è davvero indovinata. Questo album ha tutto quello che un fan degli Annihilator cerca, ma obiettivamente non è nemmeno paragonabile ai capolavori del passato della band.

Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

I Cynic ci regalano purtroppo solo un singolo
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il malinconico debut album della one man band Somnent
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I nuovi shredders: disco di esordio per Dustin Behm!
Valutazione Autore
 
1.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sarà il disco della consacrazione per i Deathless Legacy?
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Atmosfere gotiche, nordiche, fantasy per gli Unshine
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un heavy suonato bene per i Random Eyes
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

I Blaspherion dovranno fare più di così per emergere dalla massa
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un groove metal dritto come un pugno tra i denti! South Of No North - Stubborn
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il virtuosismo non è tutto! Progetto strumentale per Luca Negro
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una produzione a dir poco pessima porta alla stroncatura del debut album degli Svarthart
Valutazione Autore
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
In Grind We Trust, One day In Fukushima non la mandano a dire!
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
CHIEN BIZARRE: Alternative Indie Rock Italiano Di Assoluto Spessore!!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla