A+ A A-
 

Incursed: L'antipasto di "Amalur" Incursed: L'antipasto di "Amalur" Hot

Incursed: L'antipasto di "Amalur"

recensioni

gruppo
titolo
The Slavic Covenant Ep
etichetta
Autoproduzione
Anno

01. The Slavic Covenant

02. Akellare

03. Wild! (2017)

04. Fear A’Bhata 

05. Take On Me (A-Ha Cover)

opinioni autore

 
Incursed: L'antipasto di "Amalur" 2017-11-12 21:45:27 Gianni Izzo
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Gianni Izzo    12 Novembre, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ci sono state due uscite quest’anno per i pagan/viking/folk metallers spagnoli Incursed: il full-length “Amalur” e questo Ep intitolato “The Slavic Covenant”, che ha preceduto l’album vero e proprio.

Cominceremo con l’occuparci dell’Ep, che ruota ovviamente intorno alla title-track che ritroveremo anche in "Amalur".
Il brano è potente e diretto, ed in questo gli Incursed propongono il loro ben saldo extreme folk-metal di estrazione nordica, anche se, tradito dal titolo, mi aspettavo effettivamente qualche digressione in sonorità est europee.
In ogni caso, un primo ottimo biglietto da visita, tra ritmiche velocissime, melodie folkeggianti e cori da stadio.
A seguire un altro brano che farà parte di “Amalur”, tale “Akellare”, che ha in se parecchi parti strumentali interessati, su tutti il fraseggio pianistico che va a sostenere un breve ma interessante passaggio dalle sfumature prog.
Non ho mai amato molto le parte in clean degli Incursed, ed anche in questo caso, le strofe non mi fanno impazzire, per quanto cantate con abbastanza grinta, ma il refrain è azzeccato e tutto sommato promuoviamo anche quest’altro brano.
Gli Incursed a questo punto rispolverano la loro “Wild!”, riprendendola dall’album “Morituri” del 2010, metallizzano abbastanza bene un brano popolare (“Fear A’Bhata”), e coverizzano infine la solita “Take On Me” degli A-Ha, che come molte pop song degli anni ’80, si presta facilmente a chitarre elettriche ed epicità metalliche. Peccato che gli acuti, che sono il vero climax del brano, sono nascosti dal growling, e questo fa un po’ male al pezzo, ho sentito versioni migliori. Tuttavia l’Ep ci presenta una band in forma, vedremo a breve come se la cava su tragitti più lunghi con il nuovo full-lenght.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

I Khemmis si confermano tra i protagonisti del doom contemporaneo.
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli svedesi Craft come sempre fedeli alle proprie sonorità
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Gaerea confermano in toto quanto di buono sentito nell'EP di un paio d'anni fa
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Kalmah: Tutto secondo copione ma a noi va benissimo così
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Con "Exiler" i Construct of Lethe realizzano un lavoro monolitico
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il symphonic/melodic metal inspirato di casa Somerville
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Dissonante, straniante ed "esotica" la proposta dei Dischordia
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Immortal Sÿnn hanno bisogno di scegliere una strada da percorrere
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rites Of Sedition, mai giudicare un libro dalla copertina..
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un lavoro strumentale fin troppo prolisso per Carmelo Caltagirone
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ep che si concentra soprattutto su alcune cover per Parrys Hyde
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla