A+ A A-
 

LA MELODICA POTENZA DEI SIX POINT LEAD LA MELODICA POTENZA DEI SIX POINT LEAD Hot

LA MELODICA POTENZA DEI SIX POINT LEAD

recensioni

titolo
"Light Lies"
etichetta
Buil2Kill Records
Anno

Line Up:

Benny Bianco Chinto : voce

Sergio Costa : chitarra

Cosimo De Nola : batteria

Alessandro Martinengo : chitarra

Salvatore Lumetta: basso

 

Tracklist:

1 Dof Of War

2 Red

3 Altar Boy

4 Pitch Black

5 Dissolve Me

6 So Slow

7 Respect

8 Divine

9 Togheter We'll Rot

10 Slowmotion

11 The Road Not Taken

12 Wrong

13 Light Lies

opinioni autore

 
LA MELODICA POTENZA DEI SIX POINT LEAD 2012-11-28 11:25:37 Michele Alluigi
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Michele Alluigi    28 Novembre, 2012
Ultimo aggiornamento: 28 Novembre, 2012
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Sono italiani ma la loro matrice sonora più influente e marcata è decisamente svedese, i Six Point Lead si muovono infatti su una matrice death metal melodica che risente molto di band come Dark Tranquillity, ma soprattutto degli In Flames.
L'impatto di questi 13 brani è decisamente convincente, un 'onda d'urto sicuramente devastante che travolge l'ascoltatore con un muro sonoro fatto di batteria martellante e veloce, di chitarre basse e cariche di groove e di un basso decisamente imponente; il tutto condito da un cantato che mischia lo screaming ed il growl in un ibrido decisamente travolgente, condito però anche con degli stacchi in clean molto convincenti che attestano pienamente la poliedricità del vocalist Benny Bianco Chinto.
E' la produzione a rendere davvero appetibile questo disco, registrato agli Smashing Rabbit Studios di Torino, un mastering ben architettato e fluido accompagna infatti un songwriting creativo e non banale.
Vista la mole di bansd che oggi si approcciano a questo mix di potenza e melodia, è difficile comporre brani di qualità senza ricadere nei banali stereotipi metal core che altro non fanno che rendere dei bambini piagnosi i vocalist del genere; i Six Point Lead si collocano infatti di quella minoranza di gruppi che ha ben chiari i propri scopi e si meritano pienamente il supporto del pubblico, in particolare quelle esterofilo come noi italiani.
Se proprio non potete fare a meno del fascino dei gruppi oltre confine, vedete pure i Six Point Lead come gli In Flames nati in Italia.

Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Il gran ritorno degli As I Lay Dying, pionieri del metalcore, con un album spettacolare
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dopo dieci anni di silenzio, per i Konkhra un come back che sotto certi aspetti delude
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i canadesi Necronomicon un altro lavoro che non va oltre una semplice sufficienza
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Power metal melodico di gran fattura per gli spagnoli Arenia
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sorprende in positivo il debut EP dei canadesi Anomalism
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il debut album dei belgi Orthanc
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un buon power metal melodico e dinamico dalla Spagna coi Nocturnia
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il debutto degli Hunter vince e convince
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla