A+ A A-
 

Dal Canada il barbarico Death Metal dei Kremlin Dal Canada il barbarico Death Metal dei Kremlin

Dal Canada il barbarico Death Metal dei Kremlin

recensioni

gruppo
titolo
Decimation of the Elites
etichetta
Godz ov War Productions
Anno

Line Up: 
Neutron Cannon - drums, vocals 
Nuclear Grinder - guitars 
Lord Disintegrator - bass 

Tracklist: 
1. At War [03:16] 
2. Babylon's Regime [03:48] 
3. Decimation of the Elites [03:39] 
4. Devilution [04:35] 
5. Exterminate the Shapeshifters [03:33] 
6. Flkat Earth [03:40] 
7. Kremlin [02:27] 
8. Nuke them [04:12] 
9. Under Hypnosis [04:18] 

Running time: 33:28 

opinioni autore

 
Dal Canada il barbarico Death Metal dei Kremlin 2017-12-05 15:06:43 Daniele Ogre
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Daniele Ogre    05 Dicembre, 2017
Ultimo aggiornamento: 05 Dicembre, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Sono ben poche le informazioni in nostro possesso circa i deathsters canadesi Kremlin. Provenienti dal francofono Quebec e formatisi nel 2014, con "Decimation of the Elites", licenziato dalla polacca Godz ov War Productions, pubblicano il loro debut album. Particolarità del powertrio canadese è che il ruolo di cantante è questa volta ad appannaggio del batterista Neutron Cannon, ex membro, tra gli altri, degli Infernäl Mäjesty.

Un disco, questo "Decimation of the Elites" che prende spunto pari pari da quello che potremmo definire "Compendio del Death Metal". Niente modernismi, niente ipertecnica: solo tanta, tantissima attitudine e passione per il genere. I Kremlin, insomma, suonano Death Metal, puro e semplice. Violento, sfrontato, barbarico, un album in cui non c'è un attimo di pausa ed in cui i nostri caricano a testa bassa dal primo all'ultimo secondo, a partire già dalle primissime note dell'opening track "At War". Bastano davvero pochi secondi per capire i Kremlin dove vogliano andare a parare: in barba ai trend del momento, in barba al mercato, i nostri offrono una prova muscolare con un sound fortemente novantiano, riuscendo però a non sembrare l'ennesima band che si rifà a quel preciso periodo storico del Death, aiutati anche da una buona produzione che mette ben in risalto la brama di violenza sonora della band canadese. Persino qualche minuscola imperfezione qua e là risulta ben messa nel contesto... tradotto: manco ci si fa caso ed è così che ci ritroviamo con canzoni come la massacrante "Devilution", la buonissima title-track il cui basso distorto iniziale prende fin nelle viscere, le cattivissime "Exterminate the Shapeshifers" e "Kremlin" fino ad arrivare al meglio del disco, ossia "Nuke Them", un pezzo roboante e tellurico che credo, al pari di "Devilution" possa rappresentare on stage il meglio dei Kremlin.

Cos'altro da aggiungere? Poco o nulla. Il lavoro dei Kremlin è per tutti quelli che vogliono un Death Metal senza compromessi, che suoni potente e cattivo senza cedere ad alcun modernismo, ma che fortunatamente può usufruire di una buona produzione. Lungi dall'essere un capolavoro, "Decimation of the Elites" è un disco onesto, che mostra come, se si vuole, l'attitudine possa essere ancora un fattore fondamentale.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Ristampa per il primo album dei canadesi Auroch
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Stormhold dalla Svezia per un tuffo nel metallo più classico
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Jono un emozionante viaggio fatto di hard rock sinfonico, progressivo e melodico
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Pretty Boy Floyd, nel nome dell'hard rock immediato e spensierato
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Welcome back, Morbid Angel!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Female fronted melodic metal con i brasiliani Vienna
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debutto per gli Shadowpath, nuova band di metal sinfonico proveniente dalla Svizzera.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una nuova leva della scena Death maltese alza la testa: ottimo l'EP dei Bound to Prevail
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Brutalità ragionata ma potente! - Divination degli HELSLAVE
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla