A+ A A-
 

Potenza sonora, riffoni punk conditi da sonorità folk e tematiche romantiche e neo-pagane, nuovo capitolo per la one man band finlandese Goatmoon Potenza sonora, riffoni punk conditi da sonorità folk e tematiche romantiche e neo-pagane, nuovo capitolo per la one man band finlandese Goatmoon Hot

Potenza sonora, riffoni punk conditi da sonorità folk e tematiche romantiche e neo-pagane, nuovo capitolo per la one man band finlandese Goatmoon

recensioni

gruppo
titolo
"Stella Polaris"
etichetta
Werewolf Records
Anno

TRACKLIST
1.Intro
2.Stella Polaris
3.Kansojen Hävittäjä / Rock the Nations
4.Wolf Night
5.Sonderkommando Nord
6.Warrior
7.Conqueror

Line Up
BlackGoat Grave Desecrator (All Instruments/Arrangements)

opinioni autore

 
Potenza sonora, riffoni punk conditi da sonorità folk e tematiche romantiche e neo-pagane, nuovo capitolo per la one man band finlandese Goatmoon 2017-12-06 17:05:32 Graziano
voto 
 
5.0
Opinione inserita da Graziano    06 Dicembre, 2017
Ultimo aggiornamento: 06 Dicembre, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Oramai realtà ben consolidata nella scena black metal finnica, i Goatmoon, dopo uno split con uno dei gruppi più controversi della scena greca (ossia i Der Sturmer), tornano in pompa magna con un nuovo album intitolato "Stella Polaris".
Nato come progetto raw black metal guidato dal mastermind BlackGoat Gravedesecrator, nel corso degli anni si è evoluto sempre più su un folk/black metal intriso di sentimenti e a tematiche epiche della terra natia del progetto: la Finlandia. Gruppo certamente assolutamente molto controverso e provocatorio, anche negli atteggiamenti, riesce a sfornare un secondo capolavoro confermandosi dopo il bellissimo "Voitto Tai Valhalla" del 2015 (E ringrazio i ragazzi di Pagan Storm per aver segnalato il gruppo nella loro trasmissione radiofonica, dato che mi hanno fatto appassionare davvero e mi hanno fatto scoprire un artista eccellente). I toni sono più ragionati e freddi, la copertina stessa del CD rappresenta l'attitudine gelida, soprattutto nei riff, mentre risulta "calda e accogliente" nelle parti folkeggianti. Qui si può davvero apprezzare tutta la maestrosità del compositore che crea parti da far accaponare la pelle. I grandi protagonisti del disco non sono le parti cattive, ma le melodie create dagli strumenti folk e dall'organo che raggiunge davvero il suo apice nell'outro della terza traccia "Kansojen Hävittäjä", proposta anche in versione inglese dal titolo "Rock The Nation".
Un disco bellissimo, da ascoltare a mente aperta ed a occhi chiusi. Quando si tratta di fare black metal originale fuori dagli schemi, seguendo una strada propria, allora non troverete di meglio dei Goatmoon.

Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Gli Urze De Lume ed un disco che non ha niente a che spartire con il metal
Valutazione Autore
 
1.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un altro buon disco per i Cryonic Temple
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il solito hard rock moderno per i Co-op: tanta potenza, poche vibrazioni
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fantasy Opus, un buon esempio di power metal teutonico dal tocco progressivo
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Blaze Of Perdition, aspettatevi l'inaspettato.
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Eigensinn, dalla Germania con sonorità moderne e voce femminile
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Eye Of The Destroyer, la bestia del New Jersey torna con un nuovo EP
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un viaggio alchemico tra filosofia e visioni mistiche: il nuovo EP dei Veratrum
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Dygora dimostrano di essere pronti per il grande passo
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Arriva sul mercato occidentale "Зло внутри" degli ucraini Crystal Sword
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ben Blutzukker ed un E.P. di cui difficilmente ci si ricorderà in positivo
Valutazione Autore
 
1.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli A Scar for the Wicked ed un sound che unisce perfettamente Deathcore e Melodic Death
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla