A+ A A-
 

Esordio convincente con l'heavy degli italianissimi Hyperion! Esordio convincente con l'heavy degli italianissimi Hyperion! Nuovo

Esordio convincente con l'heavy degli italianissimi Hyperion!

recensioni

gruppo
titolo
Dangerous Days
etichetta
Fighter Records
Anno

1. Ultimatum 03:30

2. Dangerous Days 04:47

3. Incognitus 06:37

4. Ground and Pound 04:58

5. Forbidden Pages 05:51

6. The Killing Hope 05:33

7. The Grave of Time 04:52

8. Hyperion 08:21

 

 

BAND: Davide Cotti (chitarra), Marco Jason Beghelli (batteria), Michelangelo Carano (voce), Antonio Scalia (basso), Luke Fortini (chitarra)

opinioni autore

 
Esordio convincente con l'heavy degli italianissimi Hyperion! 2017-12-07 11:28:11 Federico Orano
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Federico Orano    07 Dicembre, 2017
Ultimo aggiornamento: 08 Dicembre, 2017
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Hyperion, Hyperion.. l'ho già sentito questo nome.. sarà mica quella power/heavy metal band che diede alle stampe un disco nel 1999 a nome “Where Stone Is Unscarred”? No, non sono loro.. ci ho messo un po' a capirlo, ma questi Hyperion nascono nel 2015, vengono da Bologna e suonano un heavy metal classico.

Se quello di cui avete bisogno per scaldarvi in queste fredde giornate invernali è del puro e rovente acciaio “old school”, allora fermatevi qui un attimo perchè questo “Dangerous Days” è un lavoro riuscito con brani come “Incognitus” che faranno la felicità di ogni amante di queste sonorità. Chiari i riferimenti qua e là a gruppi come Judas Priest, Maidens, Accept... insomma le bands che hanno scritto le basi di questo genere. Ma il gruppo emiliano si dimostra all'altezza lungo tutta la tracklist, con songs scoppiettanti come “Ground and Pound”, dall'attacco Accept style e qualche inserto thrash prima di tornare su territori più teutonici con un bel chorus, oppure con atmosfere più oscure ed epicheggianti (e qui troviamo parecchia scuola NWOBHM) in “Forbidden Pages”. Altro gran brano è proprio “Hyperion”, che chiude il disco con le marce alte nel nome del metallo più classico.

Una band che può crescere ancora molto, ma che parte subito col piede giusto. L'acciaio italiano è in festa con questo “Dangerous Days”, un lavoro consigliato!

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Ristampa per il primo album dei canadesi Auroch
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Stormhold dalla Svezia per un tuffo nel metallo più classico
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Jono un emozionante viaggio fatto di hard rock sinfonico, progressivo e melodico
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Pretty Boy Floyd, nel nome dell'hard rock immediato e spensierato
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Welcome back, Morbid Angel!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Female fronted melodic metal con i brasiliani Vienna
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debutto per gli Shadowpath, nuova band di metal sinfonico proveniente dalla Svizzera.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una nuova leva della scena Death maltese alza la testa: ottimo l'EP dei Bound to Prevail
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Brutalità ragionata ma potente! - Divination degli HELSLAVE
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla