A+ A A-
 

Tornano i norvegesi Gothminister con il loro Gothic rock a tinte elettroniche Tornano i norvegesi Gothminister con il loro Gothic rock a tinte elettroniche

Tornano i norvegesi Gothminister con il loro Gothic rock a tinte elettroniche

recensioni

titolo
The Other Side
etichetta
AFM Records
Anno

 

01.Ich Will Alles

02.The Sun

03.Der Fliegende Mann

04.Aegir

05.Red Christ

06.We Are The Ones Who Rule The World

07.All This Time

08.Day Of Reckoning

09.Taking Over

10.Somewhere In Time

 

 

BAND: Andreas Moxnes, Bjørn Aadland, Bjørn Alexander Brem, Christian Svendsen

opinioni autore

 
Tornano i norvegesi Gothminister con il loro Gothic rock a tinte elettroniche 2017-12-07 13:48:12 Davide Pappalardo
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Davide Pappalardo    07 Dicembre, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni


Torna la band industrial rock norvegese Gothminister, all'attivo dal 2003 con sei album all'insegna di un rock elettronico a tinte gotiche, tanto nei suoni, quanto nell'immagine ad hoc curata fino al minimo dettaglio, elegante e oscura. L'ultimo disco del 2013 "Utopia" li vedeva approdare alla AFM Records con un sound più marcatamente rock e di estrazione tedesca, strizzando l'occhio a loop di chitarre alla Rammstein e cori alla Sisters Of Mercy, e il nuovo "The Other Side" sembra voler seguire proprio questa strada.

Ecco quindi tormentoni come "Ich Will Alles", pezzo trascinante fatto di riffing in levare e cori appassionati e malinconici, o "We Are The Ones Who Rule The World" con i suoi toni Gothic che vedono tastiere, innesti di voci femminili, e pestoni in doppia cassa. "The Sun" invece offre alcuni momenti più elettronici, pur mantenendo le chitarre e i baritoni magistrali ben presenti, ricollegandosi ancora una volta nelle vocals alla band di Andrew Eldritch, "Der fliegende Mann" segue ancora una volta la linea teutonica unendo momenti romatici e attacchi di chitarra dal sapore Neue Deutsche Harte.

In definitiva un disco fatto per un pubblico gotico già vicino a certi suoni, basato su una serie di elementi non di sicuro nuovi, ma dal buon effetto potenziato da un songwriting sempre competente e all'insegna del bel ritornello trascinante. Se cercate una serie di canzoni contagiose e dagli elementi oscuri, ma di facile ascolto, questo è il disco che fa per voi.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Un buon disco per i Wombripper, anche se con sonorità troppo derivative
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La violenza ferale e la tecnica mostruosa dei Torn the Fuck Apart
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sarà quello dei Devious Mine il miglior disco power del 2018?
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dal Messico il Melodic Death/Doom dei Matalobos
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ottimo debut album dei Bridge of Diod
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Ben Blutzukker ed un E.P. di cui difficilmente ci si ricorderà in positivo
Valutazione Autore
 
1.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli A Scar for the Wicked ed un sound che unisce perfettamente Deathcore e Melodic Death
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I The Flesh son la band che tutti gli amanti dell'estremo dovrebbero ascoltare!
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una bella prova per gli Ego The Enemy
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un sorprendente debut album per gli Espionage
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I portoghesi Disassembled ed un debut album che sorprende dal primo ascolto
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla