A+ A A-
 

Hell Bent: una band con del potenziale ma troppo frettolosa Hell Bent: una band con del potenziale ma troppo frettolosa Hot

Hell Bent: una band con del potenziale ma troppo frettolosa

recensioni

gruppo
titolo
Hell Bent
etichetta
Autoproduzione
Anno

Tracklist:

  • Yeast
  • Desert Death Lord
  • Canis Lupus Superion
  • Bastard Curse Of Abraham
  • Condemned To Life
  • Scythian Horde
Line-up:
  • Badger-Vocals
    Brian - Drums
    John - Guitar
    Shawn - Guitar
    Sam - Bass

opinioni autore

 
Hell Bent: una band con del potenziale ma troppo frettolosa 2017-12-30 18:18:59 Luigi Macera Mascitelli
voto 
 
2.5
Opinione inserita da Luigi Macera Mascitelli    30 Dicembre, 2017
Ultimo aggiornamento: 30 Dicembre, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Quando ho iniziato ad ascoltare l'EP degli americani Hell Bent ero abbastanza incuriosito durante i primi minuti di ascolto. Tuttavia, ed ammetto con mio dispiacere, l'entusiasmo si è subito trasformato in senso di quasi amarezza per un semplice motivo: l'intero lavoro dura davvero pochissimo e, con una media di durata di 2 minuti e spiccioli per brano, i pezzi scorrono con una velocità disarmante non dando il tempo all'ascoltatore di capire cosa sia successo. Non potete minimamente capire la rabbia che mi fa un fatto del genere perché, tecnicamente parlando, gli Hell Bent sono dei mostri assetati di sangue con il loro sound grezzo, duro, acido, cattivo e micidiale, il tutto condito da quella nota hardcore che eleva a potenza la violenza del loro lavoro. Mi dispiace davvero dover dare un'insufficienza all'EP, tuttavia l'eccessiva poca durata è una pecca davvero grave, perché non permette di essere coinvolti e, in questo caso, travolti dai vari brani. E non venitemi a dire che ciò debba essere giustificato dal fatto che si tratti di un EP: in parte è vero ma, d'altronde, l'EP è un biglietto da visita per preparare il pubblico ad un futuro album, perciò viene da sé che un lavoro eccessivamente veloce e corto di durata lascia ben poco all'ascoltatore, se non quel senso di amarezza di cui prima ho parlato.
Ragazzi, consiglio di togliere il piede dall'acceleratore e di cercare di dare più personalità a ciascun brano. Ho alte aspettative per il futuro, mi raccomando!

Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

TrollfesT: I folk-troll norvegesi tornano con una nuova esplosiva miscela di stili
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Halcyon Way: la band di Atlanta di nuovo alla carica
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Con "Psychonolatry" abbiamo gli Electrocution mai così in stato di grazia
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Thrash incazzatissimo per i giovani Ravager!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Gli Ancient Bards ed il secondo capitolo della "Black crystal sword saga"
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sesto album dei Belladonna, come sempre molto eleganti
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un'onesta uscita questo terzo disco dei bielorussi Vistery
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Troppo breve il demo dei Tensor per poterne dare un giudizio completo
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Vandor, un debutto ancora alquanto acerbo
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un demo di debutto più che sufficiente per A Vintage Death
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla