A+ A A-
 

Deflagrante il debutto degli Hellish God Deflagrante il debutto degli Hellish God Hot

Deflagrante il debutto degli Hellish God

recensioni

titolo
The Evil Emanations
etichetta
Everlasting Spew Records
Anno

Line Up: 
Tya - vocals 
Michele Di Ioia - guitars 
Stefano Malgaretti - bass 
Luigi Contenti - drums 

Tracklist: 
1. Kelim Shattering Illumination [01:04] 
2. Qliphot [04:32] 
3. Anti-Cosmic Decree [03:11] 
4. The Hindering Ones [04:03] 
5. Tagimron is Summoned [04:02] 
6. Burning the Infidel [02:58] 
7. Choronzonic Hellfire [00:26] 
8. Agitator shall be Triumphant! [02:36] 
9. I am Belial [02:15] 
10. Marching with the Accuser [05:24] 

Running time: 30:31 

opinioni autore

 
Deflagrante il debutto degli Hellish God 2018-01-05 15:46:59 Daniele Ogre
voto 
 
5.0
Opinione inserita da Daniele Ogre    05 Gennaio, 2018
Ultimo aggiornamento: 05 Gennaio, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Concettualmente focalizzato sui Qlipoth - in ebraico letteralmente "gusci" o "involucri", sono le emanazioni del male nel misticismo ebraico -, "The Evil Emanations" è il primo album per gli Hellish God, band formatasi nel 2015 dal batterista Luigi Contenti e dal chitarrista Michele Di Ioia cui si uniranno poi Tya (ex-Antropofagus) alla voce e Stefano Malgaretti (ex-Imposer) al basso. Dopo l'EP "Impure Spiritual Forces" la Death Metal band nostrana si accasa presso quella che sta man mano diventando la maggior realtà tra le etichette Death italiane, l'Everlasting Spew Records, che si occuperà della produzione di questi 30 minuti di cattivissimo - in tutti i sensi oserei dire - Death Metal.

Lo stile degli Hellish God è quanto di più diretto possibile. I nostri non perdono tempo in orpelli vari e caricano senza soluzione di continuità: "The Evil Emanations" è un martellamento continuo in cui una sezione ritmica monolitica ed un riffingwork potente ed incessante fanno da perfetto paio col grandissimo lavoro vocale di Tya, che, qualora ce ne fosse ancora bisogno, si dimostra come uno dei migliori growler della nostra Penisola. C'è molto di Deicide e Krisiun nel sound degli Hellish God: ritmi serrati guidati dalla tecnica individuale dei componenti, una tecnica che seppur presente e ben riconoscibile non è il punto focale della prestazione degli Hellish God, che puntano soprattutto a creare col loro sound l'impatto più duro possibile, grazie a pezzi come "Burning the Infidel" - lo ammetto, la mia preferita del disco! -, "Anti-Cosmic Decree" ed "I am Belial". Ma questi sono solo giusto dei rapidi esempi: "The Evil Emanations" è un disco da ascoltare da cima a fondo.

Come prima recensione di un disco uscito nel 2018, non avrei potuto avere di meglio; fosse uscito qualche settimana prima, "The Evil Emanations" sarebbe finito dritto dritto nel mio approfondimento sui migliori dischi Death della scorsa annata. E se appunto il 2017 si è dimostrato un anno d'oro per il Death, gli Hellish God ci fanno capire da subito che il 2018 non sarà affatto da meno. Credo proprio che sentiremo molto parlare nel futuro prossimo di questa band, ci metterei la mano sul fuoco.

Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Gli Hollow Haze e l'ennesimo disco di grande qualità
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un discreto lavoro per gli I, Apokalypse seppur con delle influenze fin troppo marcate
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il debutto dei Side Effects all'insegna dell'amore per gli Iron Maiden
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Disco alquanto vario ed interessante questo quarto full-length dei Majesty of Revival
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

A distanza di tredici anni tornano i thrashers americani Motive
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Seconda fatica per i lussemburghesi Feradur: un signor melodic death!
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Panthematic, un calderone di inflenze ma un lavoro immaturo.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Ragnhild propongono un insolito Viking Metal made in India
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debuttano feroci come bestie i canadesi Concrete Funeral
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Imago Imperii, una promettente band italiana
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla