A+ A A-
 

Hard&Heavy made in Italy con i The Danger! Hard&Heavy made in Italy con i The Danger! Hot

Hard&Heavy made in Italy con i The Danger!

recensioni

titolo
The Danger
etichetta
Autoproduzione
Anno

TrackList:

The Danger

Metallari

Scemo

Il Libeccio (il mio bar)

R'n'R

L'Amore No

Bla Bla Bla

Alpornononsicomanda

California

Cattivo Esempio

Adrenalina (strumentale)

 

 

 

opinioni autore

 
Hard&Heavy made in Italy con i The Danger! 2018-01-08 15:40:47 Federico Orano
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Federico Orano    08 Gennaio, 2018
Ultimo aggiornamento: 08 Gennaio, 2018
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

I The Danger nascono ormai due decadi fa nel 1998 a Bellaria (Rn), con il nome di Danger Zone Band, dando alle stampe tre dischi. Ora, con una line-up rinnovata ed un nuovo nome (The Danger appunto), il gruppo autoproduce e pubblica questo “The Danger”, album registrato iin due versioni, una cantata in italiano, l'altra in inglese.

Si tratta di un hard & heavy dove la prima cosa che salta all'orecchio è la passione che circonda questi brani, sia nella musica, sia nei testi, basti ascoltare songs come “Metallari” e “R'n'R”, veri inni a questo stile di vita. La band costruisce buone melodie supportate da chitarre che si muovono bene su territori per lo più hard rock, accompagnate dalla voce di Marco Spinelli, ex-Vanexa, che caratterizza alla grande questi pezzi. Brani come “Bla bla bla” e la bellissima strumentale “Adrenalina” che chiude il disco, sono esempi di ottima musica.
La versione in inglese è interessante, ma perde a mio parere quel tocco personale che la band riesce a dare ai brani con la propria lingua.

Un disco che ogni amante dell'hard&heavy anni '80 deve considerare; per supportare il metallo italiano date una chance ai The Danger!

Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

I Khemmis si confermano tra i protagonisti del doom contemporaneo.
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli svedesi Craft come sempre fedeli alle proprie sonorità
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Gaerea confermano in toto quanto di buono sentito nell'EP di un paio d'anni fa
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Kalmah: Tutto secondo copione ma a noi va benissimo così
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Con "Exiler" i Construct of Lethe realizzano un lavoro monolitico
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il symphonic/melodic metal inspirato di casa Somerville
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Dissonante, straniante ed "esotica" la proposta dei Dischordia
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Immortal Sÿnn hanno bisogno di scegliere una strada da percorrere
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rites Of Sedition, mai giudicare un libro dalla copertina..
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un lavoro strumentale fin troppo prolisso per Carmelo Caltagirone
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ep che si concentra soprattutto su alcune cover per Parrys Hyde
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla