A+ A A-
 

Una produzione a dir poco pessima porta alla stroncatura del debut album degli Svarthart Una produzione a dir poco pessima porta alla stroncatura del debut album degli Svarthart Hot

Una produzione a dir poco pessima porta alla stroncatura del debut album degli Svarthart

recensioni

gruppo
titolo
Emptiness Filling the Void
etichetta
Autoproduzione
Anno

Line Up: 
Svartr - vocals, guitars 
Zeromus - guitars 

Tracklist: 
1. The Void [02:31] 
2. A Fading Image [06:00] 
3. Dark Visions from the Past [06:08] 
4. Almost Alive [06:56] 
5. Inside this Darkness [04:47] 
6. Deep Within [05:39] 
7. Disappearance [06:55] 
8. The Awakening [06:34] 

Running time: 45:30 

opinioni autore

 
Una produzione a dir poco pessima porta alla stroncatura del debut album degli Svarthart 2018-01-14 20:15:58 Daniele Ogre
voto 
 
1.5
Opinione inserita da Daniele Ogre    14 Gennaio, 2018
Ultimo aggiornamento: 14 Gennaio, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

E' uscito esattamente due anni fa questo "Emptiness Filling the Void", debut album dei belgi Svarthart, Death/Doom band formatasi nel 2011 dal cantante e chitarrista Svartr e dal chitarrista Zeromus, da sempre rimasti i due soli musicisti a portare avanti questo progetto. E' uno stile cupo, sepolcrale quello degli Svarthart, un sound che racchiude malinconiche atmosfere e claustrofobici momenti che sfociano in influenze Funeral Doom, dai My Dying Bride agli Evoken, passando per Ahab e Novembers Doom. O per lo meno, nelle intenzioni. Andando ad ascoltare, sinceramente, tutt'altro.

Un album, questo che abbiamo in esame, che non è affatto privo di difetti; a cominciare dai suoni della batteria troppo palesemente finti - con i mezzi di oggi si può fare molto meglio già solo con un computer -, per ampliare il discorso alla produzione in toto: non ho purtroppo altro modo per definirla se non pessima, con chitarre dai volumi bassissimi, voce troppo in primo piano e la già citata batteria con i suoi tra i più brutti che mi siano capitati di ascoltare negli ultimi tempi. Non mi sono sembrati nemmeno tanto precisi a livello di esecuzione, gli Svarthart: ma ammetto che non so dirvi se è solo una mia impressione dettata dal capirci ben poco di questa produzione o se realmente capiti che vadano "a vuoto", come ad esempio nel cambio di tempo di "A Fading Image".

Un peccato perché le idee, tutto sommato, non mancano nemmeno (bella la parte centrale di "Dark Visions from the Past", ad esempio), ma bisogna essere onesti: al giorno d'oggi anche un semplicissimo home studio può partorire lavori qualitativamente superiori. Mi spiace sempre bocciare una band, soprattutto per l'impegno che viene sempre profuso quando di scrive e registra un disco, ma "Emptiness Filling the Void" mi ha dato, dall'inizio alla fine, l'idea di essere un lavoro ahimè dozzinale in tutto e per tutto: basta già vedere il solo artwork.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Una raccolta del materiale 2013-2015 per i canadesi Human Compost
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Angerot ed il culto dell'Old School Swedish Death
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Discreto esordio per i greci Sense Of Fear
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Burden Of Grief: la formula perfetta per l'album perfetto
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Emerald Sun ed il loro piacevole power metal
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Arkheth, un nome da tenere in considerazione per il futuro!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Dagli States lo spietato Blackened Death dei Blood of the Wolf
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un post grunge/rock gotico e malinconico per i Thelema
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
SPLENDIDO DEBUTTO PER I MILANESI SLABBER!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un hard rock maturo, ben composto e suonato con i Rhino Proof
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un tuffo negli Eighties con i Groupie High School
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla